Nuvolette di pensieri

Mormora l'acqua del ruscello

Non è una gara

su 15 settembre 2014

jane eyre

Da qualche giorno si è acceso un confronto su alcune affermazioni.
Cito da Un altro genere di comunicazione:

“Perché scrivere post su come l’immagine femminile sia svilita e rappresentata secondo stereotipi, sarebbe del tutto vano per noi se queste discriminazioni non potessero essere inserite in un quadro economico-sociale più ampio, che contempla al suo interno discriminazioni per colore della pelle, religione, orientamento sessuale.
Se il femminismo è scisso da questo tipo di riflessione più grande, che collega tutte le categorie discriminate ad un’unico oppressore, se il femminismo cade e inciampa nel discriminare esso stesso, forse femminismo non è, somiglia di più al girl power e da fare politica si passa a fare solo costume”.

Vorrei soffermarmi su una questione. Probabilmente, c’è stato uno scivolone involontario, ma rappresenta per noi l’occasione per ragionare un po’. L’indignazione (che si può ben capire) di Lorella Zanardo deriva dal fatto che la violenza sulle donne, dalle mille sfaccettature e fattispecie, non riesce a coinvolgere l’opinione pubblica in modo significativo. In pratica non suscita lo stesso netto rifiuto e non infiamma a sufficienza gli animi. Zanardo, che fa un prezioso lavoro, rischia però di inficiare tutto, perché compie un errore, forse dettato dall’impeto del momento. Il femminismo non dovrebbe cadere nella trappola della torre d’avorio e di voler in qualche modo “escludere” tutto il resto, tutte le altre problematiche e tutt*. Sarebbe una discriminazione dettata da una cecità molto pericolosa, che potrebbe inviare messaggi totalmente sbagliati. Sarebbe coltivare uno sterile orticello, in cui ci parliamo solo tra di noi, fregandocene del resto del mondo, ma pretendendo che tutto il resto del mondo ci degni di attenzione e ci metta in cima alle priorità. Invece dobbiamo essere nel mondo, parte di esso e interpreti sincere e obiettive di ciò che accade, senza pretendere di creare scale di priorità delle discriminazioni e delle ingiustizie. Non siamo in una gara, non dovrebbe accadere quanto meno. Il pericolo reale è che il nostro diventi un femminismo astratto, slegato dal contesto socio-culturale generale, con la mania di misurare quanto siamo diventate rilevanti, quanto valiamo rispetto agli altri, quanto le nostre lotte sono più importanti o meno delle altre. Decisamente fuori strada. Il femminismo corre il rischio di trasformarsi in una forma di ignoranza, di intolleranza, come tanti altri fenomeni. Anziché scontrarci su chi deve avere la priorità o maggior spazio sui media o nell’agenda politica, forse occorrerebbe dar vita a una Leitkultur (cultura dominante, cit. Slavoj Žižek) emancipatrice, in grado di accogliere in sé tutte le battaglie (razzismo, omofobia, diritti delle donne ecc.) come se fosse un’unica grande rivoluzione universale contro ogni forma di discriminazione, violenza, violazioni di diritti fondamentali ecc. Non dobbiamo aver paura di perderci in un mare più grande, perché al contrario sono i rivoli di acqua stagnante che ci devono far paura e che non possono portarci da nessuna parte. Dovremmo sentire di essere parte di un sommovimento necessario su più fronti e livelli, che devono ragionare insieme attraverso vasi comunicanti e senza la spocchia o la smania di salire sul gradino più alto. Dobbiamo costruire un progetto universale condiviso (composto dalle molteplici lotte in corso) e lottare per la sua realizzazione. Altrimenti i nostri progetti resteranno asfittici e non saremo state in grado di condividere il cambiamento necessario. Dobbiamo stare con i piedi ben piantati in quella terra che tutti i giorni condividiamo con tante altre persone, che lottano come noi. La politica delle donne non è da intendersi unicamente come perfettamente assimilabile (e coincidente con) alla partecipazione attiva attraverso strumenti come partiti politici e una presenza nelle istituzioni. La politica delle donne è partecipazione, in varie modalità, all’interno della comunità. Fare politica non coincide con la tessera di partito, ma è la nostra azione quotidiana per incidere nella comunità sociale, cercando di migliorare qualcosa. La politica non è protagonismo (quella è solo smania di carriera), ma lavorare con umiltà, credendo veramente in quello che si fa. La mia visione è utopica? Forse sì, ma questa sono io.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

tiritere72663953.wordpress.com/

"Alle giovani dico sempre di non abbassare la guardia, non si sa mai". Miriam Mafai

Il blog di Paola Bocci

Vi porto in Regione con me

Non Una Di Meno - Milano

Contro la violenza maschile sulle donne e tutte le forme di violenza di genere

ilportodellenuvole.wordpress.com/

I tessitori di nuvole hanno i piedi ben piantati per terra

Variabili Multiple

Uguali e Diversi allo stesso tempo. A Sinistra con convinzione.

Blog delle donne

Un blog assolutamente femminista

PARLA DELLA RUSSIA

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Critical thinking

Sociology, social policy, human rights

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

mammina(post)moderna

Just another WordPress.com site

Femminismi Italiani

Il portale dei femminismi italiani e dei centri antiviolenza

violetadyliphotographer

Just another WordPress.com site

Il Golem Femmina

Passare passioni, poesia, bellezza. Essere. Antigone contraria all'accidia del vivere quotidiano

Last Wave Feminist

"Feminism requires precisely what patriarchy destroys in women: unimpeachable bravery in confronting male power." Andrea Dworkin

Links feminisme

geen feminisme zonder socialisme, geen socialisme zonder feminisme

Rosapercaso

La felicità delle donne è sempre ribelle

vocedelverbomammmare

tutto, ma proprio tutto di noi

Stiamo tutti bene

Le tragicomiche avventure di una famiglia di nome e di fatto

Abolition du système prostitueur

Blog du collectif Abolition 2012

REAL for women

Reflecting Equality in Australian Legislation for women

Banishea

Gegen Prostitition. Für Frauen. Für Selbstbestimmung und Unabhängigkeit. Gegen Sexkauf. Not for Sale. Weil Frauen keine Ware sind.

Psicodinamica

idee di psicologia e psicoterapia

Sarah Ditum

Writing, etc.

Femina Invicta

Feminist. Activist. Blogger.

THE FEM

A Feminist Literary Magazine

O capitano! Mio capitano!...

"Ci sono persone che sanno tutto e purtroppo è tutto quello che sanno." [Oscar Wilde]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: