Nuvolette di pensieri

Mormora l'acqua del ruscello

Il punto sulla Legge 194

su 15 giugno 2022

Nel 1978 entrava in vigore la Legge 194 – Norme per la tutela sociale della maternità e sull’interruzione volontaria della gravidanza. Ieri è stata presentata in Parlamento la Relazione del Ministero della Salute sulla sua attuazione. I dati sono relativi al 2020, sempre assai tempestivi. I numeri delle interruzioni volontarie di gravidanza sono in costante calo a ogni rilevazione dal 1983 in avanti: nel 2020 la flessione è stata dello 9,3%.

La situazione dell’obiezione di coscienza è sempre disastrosa e di fatto diventa in alcuni casi un ostacolo, una specie di muro tra la donna e il suo diritto a una scelta libera, senza impedimenti, serena e con l’adeguato e corretto supporto. Nel 2020 le Regioni hanno riferito che ha presentato obiezione di coscienza il 64,6% dei ginecologi, valore in leggera diminuzione rispetto al 2019, il 44,6% degli anestesisti e il 36,2% del personale non medico.

L’analisi del carico di lavoro settimanale attribuibile ad ogni ginecologo non obiettore per singola struttura di ricovero nel 2020 evidenzia 3 Regioni in cui sono presenti strutture con un carico di lavoro superiore alle 9 IVG a settimana (9,7 in Abruzzo; 9,9 in Campania e 16,1 in Sicilia). Quindi, la situazione presenta delle criticità, che denunciamo da anni.

L’aumento dell’uso della contraccezione d’emergenza – Levonorgestrel (Norlevo, pillola del giorno dopo) e Ulipristal acetato (ellaOne, pillola dei 5 giorni dopo) – sembra aver inciso positivamente sulla riduzione del numero di IVG. Certo sarebbe preferibile che si diffondesse maggior consapevolezza in materia contraccettiva, avviando percorsi che facciano prevenzione costante di gravidanze indesiderate.

Quindi un diritto tutt’altro che garantito secondo quanto previsto dalla legge che ha compiuto 44 anni. Un diritto che sappiamo può venir meno o ridimensionato assai facilmente, basti pensare a quanto sta accadendo negli USA, dopo la recente votazione della Corte suprema, o in Polonia.

La maternità deve restare una libera e consapevole scelta delle donne, se non vogliamo che generi danni, problemi, traumi permanenti. Garantire la possibilità di scelta è garantire la salute psicofisica delle donne.

Resta il rischio di tornare alla clandestinità, che evidentemente continua a essere ancora un fenomeno presente. Il Ministero stima per difetto che circa 10mila donne ogni anno abortiscano così, spesso ricorrendo al fai da te con farmaci acquistati online. Evidentemente gli ostacoli all’aborto legale stanno facendo molti danni e a farne le spese sono le donne. Nonostante la sanzione per aborto illegale che colpisce le donne sia stata innalzata fino a 10mila euro qualche anno fa.

Qui un articolo recente che inquadra bene il fenomeno.

“La maggior rottura operata dal femminismo come teoria e pratica si è fondata non tanto sull’estensione dei diritti, quanto sulla riappropriazione politica e simbolica del corpo e dei suoi significati, che sta a monte di quelli. Questo ha significato in primo luogo un ancoramento alla corporeità che la filosofia tradizionale respingeva descrivendo un soggetto disincarnato; ha voluto dire ritrovare una sessualità propria e una libertà di scelta ma anche aprirsi a una molteplicità di manifestazioni di vita, fare in modo che la coniugalità e la maternità non fossero più considerate l’unico destino possibile Un triangolo festoso, ironico e irriverente, fatto con dita ribelli unendo le punte dei pollici e degli indici, risalendo dalle profondità degli archetipi irruppe nelle piazze: quella mimica eloquente comparve negli anni Settanta, scomparve nel giro di un decennio. Riportava nella polis un corpo sessuato. Annunciava al mondo che le donne riprendevano possesso di sé. Quel sesso che non era un sesso, ma solo un attributo destinato alla riproduzione, diventava finalmente orgoglio politico. (…) Con quel gesto la critica femminista si allarga alle istituzioni della vita pubblica che sulla rimozione del corpo hanno costruito il loro potere. Il corpo sessuato riporta la persona, i cicli biologici, la vita affettiva, i desideri, le relazioni sentimentali, i rapporti famigliari dentro la storia, la cultura, la politica.(…) La libertà di decidere quando e se fare figli, che ci siamo duramente conquistate, ci viene spesso rinfacciata perché chi ha consuetudine con il potere sa che poter decidere di sé è il primo passo per stare nel mondo alla pari.”

Graziella Priulla – La libertà difficile delle donne – Settenove

Questo estratto ci aiuta a inquadrare bene quanto è stato lungo e difficile questo percorso, cosa ha rappresentato, quanto tuttora è sotto attacco e in discussione. Una notizia che è passata in sordina, ci riguarda. Ringrazio Maddalena Robustelli per avermela girata.

Con la Risoluzione 2439 (2022) del Parlamento Europeo ‘Access to abortion in Europe: stopping anti-choice harassment’ c’è una importante presa di posizione su quanto concerne le molestie no-choice, perché sono vere e proprie violazioni dei diritti umani. Avete presente quando cercando online notizie su contraccezione e interruzione volontaria di gravidanza, i primi risultati sul motore di ricerca sono di organizzazioni no-choice? Avete presente i gruppi di preganti davanti agli ospedali o le campagne con manifesti no-choice nei pressi delle strutture ospedaliere? Avete presente la persistente lacuna di educazione sessuale tra i giovani e giovanissimi? Avete presente quando scrivo di gravidanze adolescenziali, anche a 12 anni? E’ evidente che siamo di fronte a un rischio di involuzione. Quindi l’Italia è invitata a non far finta di nulla. Ho velocemente tradotto i punti salienti.

L’Assemblea invita gli Stati membri del Consiglio d’Europa, Osservatori e Partner per la Democrazia a:

10.1 adottare le misure necessarie per garantire che gli ostacoli all’accesso alla legittima assistenza per l’aborto o alle informazioni pertinenti sia proibito e sanzionato penalmente o in altro modo; la condotta vietata dovrebbe includere attività online; vietare alle organizzazione no-choice di presentarsi erroneamente come organizzazioni neutrali o favorevoli alla scelta;

10.2 introdurre zone cuscinetto in prossimità delle strutture di assistenza sanitaria riproduttiva e di qualsiasi struttura in cui siano fornite informazioni pertinenti, per evitare l’interruzione dei pubblici servizi che forniscono cure per l’aborto e garantire la sicurezza delle persone che richiedono cure per l’aborto; all’interno delle zone cuscinetto dovrebbero essere vietate tutte le attività di informazione e di raccolta e protesta contrarie alla scelta, sia rivolte al pubblico che a privati;

10.3 fornire informazioni affidabili sui diritti e servizi riproduttivi, compreso l’aborto, e adottare le misure necessarie per contrastare la disinformazione e la disinformazione sull’aborto; tali misure dovrebbero includere un controllo specifico sulla possibile diffusione di disinformazione, apertamente o in incognito, da parte di organizzazioni no-choice;

10.4 autorizzare le persone a compiere scelte informate garantendo che informazioni basate su prove, accurate dal punto di vista medico e non giudicanti sull’aborto siano disponibili online e offline, in particolare attraverso campagne di informazione e un’educazione sessuale completa; garantire che in tutte le scuole sia fornita un’educazione sessuale completa; i programmi di studio dovrebbero riguardare la salute ei diritti sessuali e riproduttivi, compresi la contraccezione e l’aborto;

10.5 garantire l’effettivo accesso alle cure legali per l’aborto, quando previsto dalla legislazione nazionale, e la consulenza pertinente da parte di professionisti sanitari qualificati che forniscono informazioni obiettive; l’obiezione di coscienza, ove legale, non dovrebbe mai limitare l’accesso effettivo e tempestivo all’assistenza medica per l’aborto;

10.6 formare gli operatori sanitari a fornire informazioni e cure relative all’aborto, in modo basato sull’evidenza, imparziale, non giudicante, rispettoso e confidenziale; proteggere gli operatori sanitari, che prestano assistenza all’aborto, da minacce o attacchi verbali o fisici e da qualsiasi pressione o ritorsione, anche professionale;

10.7 indagare e perseguire efficacemente l’incitamento all’odio online e offline nei confronti dei difensori dei diritti umani, comprese le organizzazioni, e adoperarsi per prevenire e contrastare le reti di individui e organizzazioni create con l’obiettivo di molestare attivisti pro-choice, politici e persone che scelgono di abortire;

10.8 fornire informazioni e formazione agli agenti delle forze dell’ordine e ai membri della magistratura per garantire che siano a conoscenza della portata e dell’impatto delle attività contrarie alla scelta.

Questo va ovviamente di pari passo a un potenziamento dei consultori pubblici, a una diffusione di informazioni per una sessualità consapevole, a un intervento sullo stato attuale dell’obiezione di coscienza nel SSN pubblico e a un ripristino della gratuità della contraccezione per tutte.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

tiritere72663953.wordpress.com/

"Alle giovani dico sempre di non abbassare la guardia, non si sa mai". Miriam Mafai

Il blog di Paola Bocci

Vi porto in Regione con me

Non Una Di Meno - Milano

Contro la violenza maschile sulle donne e tutte le forme di violenza di genere

ilportodellenuvole.wordpress.com/

I tessitori di nuvole hanno i piedi ben piantati per terra

Variabili Multiple

Uguali e Diversi allo stesso tempo. A Sinistra con convinzione.

Blog delle donne

Un blog assolutamente femminista

PARLA DELLA RUSSIA

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Critical thinking

Sociology, social policy, human rights

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

mammina(post)moderna

Just another WordPress.com site

Femminismi Italiani

Il portale dei femminismi italiani e dei centri antiviolenza

violetadyliphotographer

Just another WordPress.com site

Il Golem Femmina

Passare passioni, poesia, bellezza. Essere. Antigone contraria all'accidia del vivere quotidiano

Last Wave Feminist

"Feminism requires precisely what patriarchy destroys in women: unimpeachable bravery in confronting male power." Andrea Dworkin

Links feminisme

geen feminisme zonder socialisme, geen socialisme zonder feminisme

Rosapercaso

La felicità delle donne è sempre ribelle

vocedelverbomammmare

tutto, ma proprio tutto di noi

Stiamo tutti bene

Le tragicomiche avventure di una famiglia di nome e di fatto

Abolition du système prostitueur

Blog du collectif Abolition 2012

REAL for women

Reflecting Equality in Australian Legislation for women

Banishea

Gegen Prostitition. Für Frauen. Für Selbstbestimmung und Unabhängigkeit. Gegen Sexkauf. Not for Sale. Weil Frauen keine Ware sind.

Out and about

psicologia, scrittura, immagini

Sarah Ditum

Writing, etc.

Femina Invicta

Feminist. Activist. Blogger.

THE FEM

A Feminist Literary Magazine

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: