Nuvolette di pensieri

Mormora l'acqua del ruscello

Aspettare stanca

Penelope disfa (svela) il suo lavoro di notte (1886)
Dora Wheeler Keith (Stati Uniti, 1856-1940) pannello ricamato con fili di seta su tessuto in seta,
New York, Stati Uniti – The Metropolitan Museum

“La parità di genere non è solo un diritto umano fondamentale, ma la condizione necessaria per un mondo prospero, sostenibile e in pace. Garantire alle donne e alle ragazze parità di accesso all’istruzione, alle cure mediche, a un lavoro dignitoso, così come la rappresentanza nei processi decisionali, politici ed economici, promuoverà economie sostenibili, di cui potranno beneficiare le società e l’umanità intera.”

I traguardi dell’obiettivo 5 ‘Raggiungere l’uguaglianza di genere ed emancipare tutte le donne e le ragazze’ dell’Agenda 2030 ONU parlano chiaro:

5.1     Porre fine, ovunque, a ogni forma di discriminazione nei confronti di donne e ragazze

5.2     Eliminare ogni forma di violenza nei confronti di donne e bambine, sia nella sfera privata che in quella pubblica, compreso il traffico di donne e lo sfruttamento sessuale e di ogni altro tipo

5.3     Eliminare ogni pratica abusiva come il matrimonio combinato, il fenomeno delle spose bambine e le mutilazioni genitali femminili

5.4     Riconoscere e valorizzare la cura e il lavoro domestico non retribuito, fornendo un servizio pubblico, infrastrutture e politiche di protezione sociale e la promozione di responsabilità condivise all’interno delle famiglie, conformemente agli standard nazionali

5.5     Garantire piena ed effettiva partecipazione femminile e pari opportunità di leadership ad ogni livello decisionale in ambito politico, economico e della vita pubblica

5.6     Garantire accesso universale alla salute sessuale e riproduttiva e ai diritti in ambito riproduttivo, come concordato nel Programma d’Azione della Conferenza internazionale su popolazione e sviluppo e dalla Piattaforma d’Azione di Pechino e dai documenti prodotti nelle successive conferenze

5.a     Avviare riforme per dare alle donne uguali diritti di accesso alle risorse economiche così come alla titolarità e al controllo della terra e altre forme di proprietà, ai servizi finanziari, eredità e risorse naturali, in conformità con le leggi nazionali

5.b     Rafforzare l’utilizzo di tecnologie abilitanti, in particolare le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, per promuovere l’emancipazione della donna

5.c     Adottare e intensificare una politica sana ed una legislazione applicabile per la promozione della parità di genere e l’emancipazione di tutte le donne e bambine, a tutti i livelli.

Fonte: https://unric.org/it/obiettivo-5-raggiungere-luguaglianza-di-genere-ed-emancipare-tutte-le-donne-e-le-ragazze/?fbclid=IwAR1N31nf52jgIB3YryjPqvKs4iVWpPbWRPX_gK_dMQjs2cTUfF-iYx9s5qw

Secondo il Global Gender Gap Index 2022 recentemente pubblicato dal WEF, l’Italia è al 63° posto nella classifica generale tra 146 Paesi. Siamo però al 110° posto per quanto riguarda la partecipazione e le opportunità, al 59° per livello di istruzione, al 108° per quanto riguarda la salute e aspettativa di vita e al 40° per emancipazione politica.

Le note dolenti ricadono quindi su lavoro e salute. Anche per l’istruzione occorre fare uno sforzo in più.

Siamo penalizzate sul fronte della partecipazione al mondo del lavoro, disparità salariale, livelli salariali. Io aggiungerei la precarietà e la mancanza di sicurezza. Le morti, il mobbing, le molestie, le discriminazioni di vario tipo nel mondo del lavoro rendono la situazione assai preoccupante.

Ne parla ancora una volta Linda Laura Sabbadini su Repubblica oggi 13 agosto, in un pezzo dal titolo “Perché le donne non votano”.

Nel 2018 si raggiunse un tasso di astensionismo del 27%, un picco: un segnale inequivocabile che mandano soprattutto le donne, che in questo caso sono il 5% in più degli uomini.

È chiaro che si tratta di una crescita di sfiducia nella democrazia. Nel ’76 l’astensionismo era del 6,6%, da allora è cresciuto inesorabilmente. Sabbadini traccia le radici di un fenomeno politicamente rilevante: un diverso ruolo assunto dal sistema dei partiti nella nostra società: “Il rapporto tra cittadini e partiti era molto stretto nel primo trentennio della Repubblica e si esprimeva, nel momento delle elezioni, non solo con un’alta partecipazione al voto, ma anche con l’espressione dell’adesione ad un partito come affermazione di una appartenenza ad un gruppo sociale e ad un progetto politico ben preciso.”

Quindi è dentro la società che si deve tornare, per confrontarsi e misurarsi, per rappresentare e conoscerne i volti e le istanze e solo dopo progettare. Dentro la società, comprendendo il valore che ciascun/a cittadino/a ha e può portare.

Sabbadini aggiunge: “la crescita della non partecipazione al voto è andata di pari passo con una maggior mobilità e fluidità dell’elettorato italiano” e dietro, in rincorsa i partiti.

Il voto è percepito come una facoltà di cui avvalersi, il non voto deriva da “motivazioni demografiche o tecnico elettorali, sempre più espressione di disagio e distacco dovuto a sfiducia nella possibilità di cambiare situazione.”

E qui arriviamo alle donne che evidentemente si aspettavano di più, anche perché nel frattempo si è iniziato a parlare di 50E50, pari opportunità ecc.

Sabbadini ci pone la domanda: “avviene (l’astensionismo, ndr) perché le donne sono lontane dalla politica o perché la politica è lontana dalle donne?” Guardando ai risultati tangibili, che ciascuna di noi può sperimentare, la risposta è scontata. Sì certo, oggi abbiamo qualcosina in più, addirittura 10 giorni al 100% per i neopapà e la legge sulla parità salariale (tra l’altro già codificata a livello costituzionale, art. 37), eppure i dati della partecipazione al mondo del lavoro non sono confortanti, non lo dico io. Sabbadini ci ricorda un po’ di cose incompiute, dai nidi pubblici del 1971 ancora rari e con ampie differenze geografiche, alla legge sull’assistenza sociale del 2000 (che per tante donne e i loro figli non ha migliorato la situazione). I fondi per la violenza, per la sanità, per il reddito di libertà sempre in ritardo e pieni di cavilli e burocrazia. Una legge 194 svuotata a suon di obiezione e di tutte le conseguenze di anni di tagli alla sanità pubblica, consultori in primis. E quella infinita difficoltà di portare un cambiamento culturale nelle scuole contro stereotipi e violenza maschile contro le donne: prevenzione, ci siamo dimenticati una delle P fondamentali della convenzione di Istanbul.

La metà delle donne non ha un lavoro, quando ce l’ha è precario, sottopagato e lo perde quasi sempre all’arrivo del primo figlio se non ha una rete di welfare familiare che le copra le spalle. Se ne parla sempre, ma il paese resta un paese ostile per donne e mamme. C’è chi non se ne accorge, ma evidentemente chi non va più a votare sì. L’art. 3 della Costituzione è lì che giace inapplicato e l’autonomia economica dignitosa delle donne non c’è. Sabbadini parla di disincanto, sfiducia o convinzione che la politica non possa, non sappia, non voglia risolvere i problemi e le montagne quotidiane e quindi si va di faidate e di ‘si salvi chi può’. Più che una scossa ci vorrebbe un terremoto nelle coscienze di chi si candida e viene eletto per rappresentare e per trovare soluzioni.

Insomma, c’è del materiale su cui concentrarsi. Anche politicamente, se vogliamo seriamente contare e fare la differenza, non basta avere scranni, ma occorre che questa rappresentanza femminile si riempia di azioni rivolte a quella metà della popolazione che chissà perché è sempre agli ultimi posti dell’agenda. Occorre che non si creino veti, montagne, ostacoli alle azioni delle donne che riescono ad arrivare nelle istituzioni. Le idee che portiamo, al di là di coloro che si rivelano mere esecutrici, possono essere utili a trovare soluzioni e strade mai percorse, a patto che non ci mettiate le zavorre e non ci facciate ostruzionismo. Io parlo e continuerò a parlar chiaro. Un Paese che investe sulla parità, su salute e istruzione di qualità per le donne, sta ponendo le basi per il suo futuro. Continuando a ignorare le nostre istanze, le nostre proposte, le nostre problematiche, avremo delle ricadute pessime su tutta la popolazione. Non ci annacquate in formule e soluzioni neutre. Analizziamo a fondo i dati e i fenomeni, cerchiamo di scoprire sempre la dimensione di genere e i perché alcuni problemi diventano più complessi e cronici per le donne. Certo le motivazioni le conosciamo, ma è difficile che la politica riesca a tenere insieme più generazioni e la variabile di genere. Spesso fa finta di dimenticarsi di una dimensione, guarda caso le donne. Evitiamo per una volta di far finta di non conoscere le ragioni per cui questo Paese non è ancora un luogo facile per le donne, anzi. Ne va del nostro futuro e di tutti. Non vogliamo bonus, ma il buon vecchio stato sociale che avete smantellato e che le leggi varate negli anni vengano applicate, in ogni ambito, senza più discriminazioni e violenze, riconoscendo le peculiari esigenze delle donne e delle madri, perché non è con la livella e con soluzioni esclusivamente ‘paritarie’ che si danno le risposte necessarie. Bisogna che entriate nelle vite delle donne.

Bisogna partire dalla base, dalla società reale non quella vista attraverso le lenti di chi ce l’ha fatta e sta bene, e dalle basi, valori e conflitti. Non si possono cambiare le cose con gli strumenti di chi e con chi ha guidato sinora, salvo eccezioni. Partire non dal potere ma dalla rappresentanza di classi e istanze, avendo il coraggio di affrontare ciò che rende questo Paese arduo e impossibile per le donne. Meno spocchia elitaria, meno pinkwashing, meno femminismo opportunistico, più voglia di ascoltare. La politica non è carriera personale. Se anche tra noi si negano i problemi e si liquidano le criticità, non si va da nessuna parte. Ché magari non abbiamo fatto e non facciamo tutto bene. E siccome di fregature ulteriori non ne vogliamo, eviterei la strada della rottamazione 2.0 o di uno scontro generazionale. Cambiare e realizzare il cambiamento non è una questione anagrafica, si può essere conservatori/trici e servi/e dello status quo, delle logiche che ci hanno portato alla situazione attuale anche a 20 anni. Non c’è bisogno di spremersi troppo le meningi per non fare gaffe, trovare le parole e le idee giuste, se la vostra sensibilità è autentica e se pensate davvero che è il momento di dare centralità alle donne. Bravi/e ci avete messo in un pacchetto (col fiocchetto), una paginetta, avete fatto il compitino, ma non basterà se vi siederete su questo e penserete che se le cose non cambiano è colpa degli altri che non collaborano e non capiscono. Aspettare stanca, le donne sono stanche e la pazienza è finita, non potete aspettarvi che automaticamente e un po’ smemorate ricominceremo da zero a tessere pazientemente la tela, che altri/e in vesti patriarcali ci disfano continuamente, per tenerci ferme più o meno allo stesso punto. Dopo un po’ di anni facciamo fatica a fidarci che si vedranno i tanto auspicati cambiamenti.

In ogni caso, andate a votare, le donne che ci hanno precedute hanno fatto tanto per ottenere questo diritto.

Lascia un commento »

Never surrender. Never give up the fight.

Design by Soli Rachwal


Le ondate del femminismo, numerate, incastonate in varie epoche, temporalmente divise ma interconnesse, si susseguono e contengono ciascuna sempre il medesimo seme, nucleo fondativo che è quello da secoli, pur differenziando man mano gli obiettivi e i meccanismi nei vari periodi. Non si tratta solo la parità o del diritto di voto, c’è essenzialmente qualcosa di più basilare: la vita può, deve poter seguire un corso diverso, migliore, non essere per destino un percorso accidentato e infernale solo perché si è nate donne.

“L’idea che c’è un altro modo di viverla questa vita”.

Le donne sono la metà della popolazione e le loro istanze non possono essere cancellate, neutralizzate, strumentalizzate, invisibilizzate, ignorate.

Prendere coscienza, ciascuna a suo modo, di questa verità che ci accomuna, è la miccia che innesca tutto il resto e che rompe col passato.



Poter camminare senza mannaie, giudizi e sensi di colpa elargiti a grandi mani da una società maschio centrica. Si può vivere diversamente, uomini e donne, insieme. Guardando il film Suffragette, si scorgono molte delle questioni cruciali scoperchiate dal femminismo, tessendo un intreccio tra istanze sociali e di genere, alcune delle quali tuttora irrisolte: il lavoro minorile, l’assenza di tutele per la salute, la necessità di servizi per l’infanzia e di sostegni per permettere alle donne madri di lavorare, le violenze sul lavoro, le discriminazioni negli studi, le conseguenze di un ruolo e “posto” sociale esclusivamente “di madre e moglie”, non di cittadina e di lavoratrice portatrice di pari diritti, la durezza e la fatica dell’esistenza e della lotta, il giudizio sociale, le disparità salariali, la violenza domestica, le difficoltà dell’attivismo e le sue conseguenze, la patria potestà e un diritto di famiglia discriminante per le donne (solo nel 1925 vennero riconosciuti i diritti delle madri sui propri figli, in precedenza assegnati in esclusiva al padre), soprattutto in caso di divorzio e di questioni legate ai figli.

Ridicolizzate, svilite, vilipese, schernite, offese, silenziate, oscurate, imprigionate e colpite con ogni mezzo: questo ha accompagnato da sempre il lungo cammino delle donne per i diritti, per essere artefici della propria vita, per non essere più considerate proprietà, oggetti, appendici maschili. Un percorso difficile, per nulla privo di conseguenze dolorose sulle singole esistenze, perché nulla può essere come prima.

“Credo che, al di là delle vicende esistenziali di ognuna, l’eredità più grande che il femminismo ha lasciato alle donne, anche alle più giovani, sia quella di non accettare la vita come qualcosa di inevitabile e scontato, ma iniziare a chiedersi perché, ascoltare i propri desideri, chiedersi di cosa si ha bisogno, che cosa manca.”

Da “Come il mercurio” di Carla Marcellini

Un cambiamento che doveva passare attraverso il riconoscimento del diritto di voto attivo e passivo, perché solo l’elezione di donne in parlamento poteva permettere alle donne di “fare” le leggi, partecipando a un processo che per anni è stato appannaggio esclusivo maschile. Certo, il raggiungimento della rappresentanza non è mai stata e non è la garanzia di un lavoro dalla parte delle donne, questo credo che lo abbiamo già ampiamente sperimentato. Non è roba da pallottoliere. Così come sappiamo che può esistere un lavoro trasversale tra donne di diversi colori politici per il raggiungimento di obiettivi importanti. In ogni caso, una rappresentanza consapevole del poter compiere la differenza è fondamentale. Purtroppo, possiamo ampliamente sostenere che finché la selezione sarà grandemente in mano maschile, non potremo aspettarci molto. Ma lo stesso vale per le collezioniste di poltrone, di ruoli, di candidature e di incarichi, esattamente come da secoli fanno gli uomini. La strada è tutta in salita finché non cambierà a fondo la cultura e l’atteggiamento/rapporto con il potere.



Avere piena gestione della propria vita, avere un posto pienamente riconosciuto e agibile nella società, poter partecipare per mutare l’assetto imposto da leggi che hanno tuttora un sapore maschile, sono questioni tuttora aperte. Sapere da dove vengono tutti i diritti che oggi il nostro ordinamento sancisce e tutela potrebbe aiutarci.

C’è qualcosa che ci accomuna alle lotte delle varie ondate: il coinvolgimento e la diffusione delle lotte, l’essere libere, senza catene, perché solo così si ha la forza e il coraggio per portare avanti le battaglie. Non avere nulla da perdere, questa è la chiave. Ciò che ci azzoppa: essere imbrigliate principalmente in convenienze personali, in rapporti che “possono servirci”, in subordinazioni a “poteri” che ci possono aiutare, in “non belligeranze” utilitaristiche, in un fare politica per se stesse, in un esserci esattamente come ci starebbe un uomo, in una brodaglia di attivismo che si perde in piccole e innocue insenature. Ecco perché c’è sempre un compromesso, un germe che mina da dentro le conquiste. Basti pensare alla legge 194. Ed anche laddove si pensava di aver compiuto passi in avanti, dobbiamo constatare che briciola dopo briciola, si son mangiati o si vogliono rimangiare l’intera torta.

A completare il quadro, ci sono le divisioni, le puntualizzazioni che spesso fanno riferimento solo alla propria persona e opera, autorità che sembrano voler sostituire in toto il vecchio padrone, il vecchio potere. Sinceramente, l’arte e l’esercizio di collocazione, catalogazione e di etichettatura mi è sempre stata stretta. Perché mai stare sempre in trincea tra noi, o bianco o nero, senza riuscire a sbarazzarsi di posizioni monolitiche o di giudizi? L’assurda regola della fedeltà, “o stai con me su tutto, o sei contro di me”. Il permesso da chiedere prima di ogni passo. Non sarebbe “differentemente rivoluzionaria” la possibilità di dissentire e di avviare un dibattito rispettoso pur nelle diversità di opinioni? Il sindacare continuo sulla “purezza” e sul pedigree femminista. L’entrare a gamba tesa in ogni dove per affermare una supremazia dal sapore assurdamente machista. Quante catene, che se vengono sommate alle delusioni, rischiano di avere l’effetto di movimenti tettonici! Una restaurazione anche se femminista è pur sempre una restaurazione, il gattopardismo resta sempre tale. Per questo ci perdiamo i pezzi e andiamo in pezzi. E ci sono fughe da tutto questo metodo che crea disagio, sfiducia, sensazione di non accoglienza, non poter avere voce, non poter esistere se non “affiliata”, incardinata in una categoria, in una fazione. In fondo sembra davvero che non ci sia differenza, “madri” al posto di “padri” dalle quali dovremmo passivamente prendere “ordini” e alle quali subordinarci. Di protezione in protezione, secondo schemi sempiterni. Altro che sullo stesso piano, altro che uguaglianza di genere, quando abbiamo difficoltà anche tra noi. E nel calderone delle polemiche smarriamo gli obiettivi e questo anche se a malincuore lo devo dire. Spesso lasciamo macerie e per questo dovremmo fermarci. Capire che è il momento del “sospendere” certe prassi. Stiamo facendo il gioco del patriarcato, e il femminismo per me non è un luogo di produzione in stile capitalistico o di autosostentamento. Non siamo raccoglitrici, non siamo alla ricerca di benefici, non siamo elemosinatrici di briciole di diritti. Non siamo alla ricerca di un posto per noi, non è da idealista folle iniziare a pensare, tornare a pensare in senso collettivo, come se non ci fosse un domani o un dopodomani a cui rimandare. Abbiamo da perdere solo le occasioni per migliorare la vita delle donne, non solo quelle che che hanno voce e riescono a trarre vantaggi da un sistema tuttora fortemente a guida machile, nel pensiero e nella pratica.

E se il 25 settembre si svolgerà l’udienza nella quale il giudice deciderà se archiviare o proseguire l’iter giudiziale in seguito a quanto denunciato da Elisabetta Cortani, continuo a chiedere cosa pensiamo di fare. Sento un po’ di vuoto.

Lo dico chiaramente cosa stiamo smarrendo: l’opportunità di dimostrare solidarietà a una donna e al contempo a tutte le donne che hanno sperimentato e sperimentano molestie e violenze sul lavoro. Soprattutto non si deve lasciar passare tutto il corollario espresso dalla pm che ha chiesto l’archiviazione. Si tratta di noi. Il #metoo, sbeffeggiato e infangato da più parti, non è roba da social, se vogliamo che abbia una qualche ricaduta nella realtà. Le molestie e le violenze non possono diventare poltiglia nel tritatutto di un potere maschile che discredita e nega la realtà.

Abbiamo da perdere qualcosa? Questo lo chiedo, perché ho come la sensazione che sia questo il problema. Ci avvitiamo attorno a un limite, un grosso e grande muro, che noi stesse ci siamo costruite, per poterci riservare un “posto unico”, bastante a sufficienza per noi stesse, disposte a svendere tutto. Eppure il femminismo dovrebbe avere una dimensione e un respiro collettivo per poter giungere a qualcosa. La facciata e la prassi. L’effetto? Un pericoloso e comprensibile ripiegamento nel proprio privato, stanchezza, rinuncia, rassegnazione, senso di vuoto e di smarrimento. Nel chiacchiericcio sterile, nella debolezza di non riuscire a mostrare l’urgenza di certe rivendicazioni, di fissare determinare argini, di prendere posizione passano fiumi e tempeste.

Con lo sguardo del distacco estivo, vedo meglio tutto questo. Metto a fuoco prima di ripartire, distante dal modello “qui, oggi, ora, domani chissà”. Ho lasciato decantare e sedimentare il flusso di accadimenti estivi. Ho compreso quanto arduo sia riuscire a far chiarezza, a superare il taglio superficiale e fugace che ci impone il veloce processo di produzione-consumo. Ci siamo dentro. Vorrei che ci prendessimo però il tempo necessario per concentrarci, perché a furia di perdere i pezzi, di sottovalutare, di pensare che siano questioni secondarie, di non accorgerci delle cose, di frammentarci, di non riconoscerci tra di noi e di non sentirci parte di una storia comune che va al di là delle nostre esistenze, di non occuparci di noi in senso collettivo, rischiano di far passare i più pericolosi arretramenti. Un po’ come accadde sulla questione dello stalking. “L’ognuna per sè”, la difficoltà a creare e a fare rete per davvero tra i vari livelli (politica istituzionale, attivismo, associazionismo, base) crea questi cortocircuiti.

Prendiamoci il tempo per mettere in fila le priorità, le questioni che potrebbero essere per noi delle spade di Damocle, qualcosa che in breve tempo potrebbe annullare molte delle conquiste e dei principi tanto faticosamente raggiunti. Pensiamo al DDL ad iniziativa del senatore Simone Pillon, sul quale mi soffermerò prossimamente, alla catena interminabile di violenze e di femminicidi che sempre più passano in sordina, al lavoro femminile. In poche parole, come pensiamo di costruire le basi oggi per un futuro differente, che sia più dalla parte delle donne? Quanto ci accorgiamo che anche i diritti “acquisiti” possono essere messi in discussione e cancellati? Dobbiamo pensarci noi, chi sennò?

1 Commento »

Voce alle donne: dal 1861 al 1946 i passi per la conquista al diritto di voto

voto_donne

 

Il voto alle donne significa affermare e sancire che le donne sono pienamente cittadine, al pari degli uomini.

Sono passate solo 7 decadi da quando le italiane hanno raggiunto questo traguardo, hanno potuto esprimere il proprio voto ed essere elette. Ciò che oggi diamo per scontato è stato frutto di tante lotte che non dobbiamo assolutamente dimenticare.

Non è facile racchiudere in poche righe, sintetizzando, il cammino delle donne italiane per i diritti di cittadinanza. Si tratta di una strada lunga e tortuosa, fatta di piccoli tasselli, che piano piano ci hanno portato ad aver voce. La lotta per il suffragio femminile attraversa l’intera storia dell’Italia unita.

(…)

Ci auguriamo che queste lotte non si interrompano e non si affievoliscano. Ma per questo dobbiamo crederci e continuare a trasmettere l’importanza dei diritti conquistati tanto faticosamente, per permetterci di avere voce e di poter essere cittadine. Rinunciare al voto, non votare significa non decidere, significa lasciare che altri decidano per noi. L’astensionismo è un segnale di un indebolimento degli anticorpi democratici e non va sottovalutato. Pensare che la partecipazione attiva alla vita politica del proprio Paese sia inutile e ininfluente è un errore. I diritti vanno difesi, non sono per sempre. Non permettiamo a nessuno di riportarci al silenzio e di prendere le decisioni al nostro posto. Il futuro è ancora nelle nostre mani, lamentarsi non cambia le cose, il cambiamento passa per l’esercizio attivo dei nostri diritti di cittadinanza e per la nostra partecipazione viva alla vita politica. Non facciamoci inghiottire dall’indifferenza e dalla rassegnazione. Esiste la passione politica, quella autentica, quella praticata giorno dopo giorno, costantemente, non solo in occasione delle tornate elettorali. Il lavoro politico è spesso inquinato da coloro che adoperano la politica per propri fini, guardando solo ai propri interessi. Noi donne dovremmo dare il buon esempio e rompere con certe cattive prassi, ma purtroppo non sempre è così. Dobbiamo fare la “differenza”e per questo c’è bisogno di trasparenza, di un ritorno al lavoro per la collettività. Dobbiamo portare la nostra visione di genere nelle Istituzioni, perché ce n’è bisogno, l’importante è che sia autentica e non posticcia. Non è il rosa fine a se stesso che risolve i problemi delle donne.

Alle ragazze che si apprestano a votare per la prima volta auguro lo stesso entusiasmo e la stessa emozione di quelle donne che si recarono alle urne nel 1946, con il vestito della festa e si sentirono libere, parte di un mondo nuovo, tutto da costruire, nel migliore dei modi.

Oggi come allora non chiediamo una posizione “speciale”, distinta, la riserva da specie protetta e privilegiata, bensì uguale dignità e valore rispetto agli uomini, parità, pari accesso e opportunità, una rappresentazione paritaria.

E soprattutto nessuno deve parlare al nostro posto o dettarci come e quando far sentire la nostra voce.

 

PER LEGGERE L’ARTICOLO COMPLETO, CONTINUA SU MAMMEONLINE.NET

http://www.mammeonline.net/content/voce-alle-donne-dal-1861-al-1946-passi-conquista-al-diritto-voto

 

Questo è il materiale completo che ho preparato per l’evento del 22 aprile:
http://issuu.com/simonasforza/docs/il_voto_alle_donne?e=11464407/35095349

 

Qualche link in merito all’emancipazione delle donne e il diritto di voto:

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-5b927d40-f262-4aea-8506-559c8156d381.html
http://www.raistoria.rai.it/articoli/il-voto-alle-donne-litalia-si-affaccia-al-novecento/3049/default.aspx 
https://www.senato.it/application/xmanager/projects/leg17/file/repository/relazioni/biblioteca/emeroteca/Donnedellacostituente.pdf

 

Dal 1945 al 2000: 

l’emancipazione: http://www.raiscuola.rai.it/articoli/la-condizione-femminile-lemancipazione-storia-sociale-ditalia-19452000/7270/default.aspx

il lavoro: http://www.raiscuola.rai.it/articoli/la-condizione-femminile-il-lavoro-storia-sociale-ditalia-19452000/7273/default.aspx

decreto Bonomi

Decreto Bonomi – Estensione alle donne del diritto di voto

Lascia un commento »

tiritere72663953.wordpress.com/

"Alle giovani dico sempre di non abbassare la guardia, non si sa mai". Miriam Mafai

Il blog di Paola Bocci

Vi porto in Regione con me

Non Una Di Meno - Milano

Contro la violenza maschile sulle donne e tutte le forme di violenza di genere

ilportodellenuvole.wordpress.com/

I tessitori di nuvole hanno i piedi ben piantati per terra

Variabili Multiple

Uguali e Diversi allo stesso tempo. A Sinistra con convinzione.

Blog delle donne

Un blog assolutamente femminista

PARLA DELLA RUSSIA

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Critical thinking

Sociology, social policy, human rights

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

mammina(post)moderna

Just another WordPress.com site

Femminismi Italiani

Il portale dei femminismi italiani e dei centri antiviolenza

violetadyliphotographer

Just another WordPress.com site

Il Golem Femmina

Passare passioni, poesia, bellezza. Essere. Antigone contraria all'accidia del vivere quotidiano

Last Wave Feminist

"Feminism requires precisely what patriarchy destroys in women: unimpeachable bravery in confronting male power." Andrea Dworkin

Links feminisme

geen feminisme zonder socialisme, geen socialisme zonder feminisme

Rosapercaso

La felicità delle donne è sempre ribelle

vocedelverbomammmare

tutto, ma proprio tutto di noi

Stiamo tutti bene

Le tragicomiche avventure di una famiglia di nome e di fatto

Abolition du système prostitueur

Blog du collectif Abolition 2012

REAL for women

Reflecting Equality in Australian Legislation for women

Banishea

Gegen Prostitition. Für Frauen. Für Selbstbestimmung und Unabhängigkeit. Gegen Sexkauf. Not for Sale. Weil Frauen keine Ware sind.

Out and about

psicologia, scrittura, immagini

Sarah Ditum

Writing, etc.

Femina Invicta

Feminist. Activist. Blogger.

THE FEM

A Feminist Literary Magazine