Nuvolette di pensieri

Mormora l'acqua del ruscello

Laboratorio Stereotipi di genere e sessismo. Disparità e discriminazioni. La sub-cultura alla base della violenza di genere.

su 3 marzo 2019

Alice Mizrachi


Rompere il ghiaccio, rompere la naturale timidezza di fronte a due adulte sconosciute che arrivano proponendo un laboratorio contro gli stereotipi e la violenza di genere. Ogni volta che io e Carla Rizzi ci avviciniamo a una nuova classe, ogni volta che entriamo in punta di piedi nelle loro abitudini e nei loro spazi scolastici, siamo consapevoli della delicatezza del nostro compito e della sfida ardua che abbiamo di fronte. Catturare la loro attenzione o suscitare semplicemente un dubbio, una domanda non è affatto scontato. La sensazione più gratificante è quando mettono in discussione o si sentono parte in causa di ciò che racconti. Seguirli e affiancarli nelle loro argomentazioni e riflessioni, lasciandosi trasportare da loro su terreni e temi che per loro, in quel momento, sono prioritari e più interessanti da esplorare. Ecco perché il materiale che adoperiamo è solo un canovaccio, perché al 90% saranno i ragazzi e le ragazze al timone del laboratorio, e spesso il discorso spazia e si allarga finendo su rotte impreviste ed entusiasmanti.
Siamo noi grate loro di quanto ci restituiscono nel tempo passato insieme. Perché le loro domande, il loro punto di vista, la loro esperienza ci servono da calibro e da termometro.
Non abbiamo risposte o certezze, proponiamo delle proposte di riflessione, in questo tempo veloce e frettoloso in cui ci si indaga sempre meno dentro e nelle relazioni si pensa di sapere sempre tutto, dando troppe cose per normali e innocue. Ci torneranno poi con calma da sole/i, se vorranno, dando ciascuno/a la propria risposta, magari quando gli si presenterà una situazione che richiamerà gli scambi sui temi da noi affrontati. Partendo dal linguaggio, dalle parole, attraversando i contenuti dei vari media e le sollecitazioni proposte dalla società in cui siamo immerse/i, cerchiamo di evidenziare quanto non siano da sottovalutare elementi culturali, segnali, prassi e comportamenti che fanno da substrato e da veicolo delle varie forme di violenza contro le donne e di come ne anticipino e ne moltiplichino i risultati.
Noi restiamo in ascolto e a disposizione per approfondire in ogni direzione. Soprattutto ci interessa che loro conoscano e mettano in pratica nel loro quotidiano i mezzi e le lenti per leggere la realtà, i messaggi, gli episodi, in ogni contesto, in ogni situazione.
Più punti interrogativi, critiche, scricchiolii di certezze emergono, più efficace sarà stato il nostro contributo. Un primo campo in cui si riverseranno le nostre conversazioni sarà la progettazione e la realizzazione delle panchine rosse, che dovranno parlare, portare un messaggio che dovrà raggiungere tutti e tutte, per testimoniare e segnare un impegno collettivo contro la violenza contro le donne, in quanto donne. Ed è proprio a partire dalle basi e dalla condivisione dei termini, dei loro significati, dal riportare ciascun tassello al proprio posto per poter avere un quadro il più possibile reale e concreto di tutto ciò che sta alla base dei fenomeni di discriminazione e di violenza di genere.
Capita di dover costruire da zero, oppure di dover rimuovere insieme a loro un pulviscolo fatto di pregiudizi che si sono sedimentati tra infanzia e adolescenza, esperienze di vita che hanno forgiato già percezioni e punti di vista, non sempre scevri da stereotipi o inciampi culturali. Ecco che attraverso la narrazione di episodi ed eventi che hanno attraversato la storia delle donne, in tempi più o meno recenti, cerchiamo di far cogliere ai ragazzi e alle ragazze il lungo cammino dei diritti, verso una sempre maggiore uguaglianza sostanziale di genere, una parità che è ancora lungi dall’essere raggiunta e per la quale è necessario dedicare un impegno comune, attraverso un passaggio di testimone tra generazioni.
Spesso portare a loro conoscenza le storie e le testimonianze di donne come Franca Viola sono determinanti per scoprire da dove nascono i cambiamenti legislativi e come si è arrivati ad affermare principi che oggi diamo per scontati. Desideriamo trasmettere, attraverso la nostra attività di volontariato gratuito, ciò che il femminismo ha rappresentato e rappresenta per tante generazioni di donne. Uscire dalla bolla e prendere consapevolezza di sé, come individui e come collettività: noi cerchiamo semplicemente di donare loro la scintilla di innesco.
Simona Sforza e Carla Rizzi per Alida – Associazione Libere Donne Attive
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Non Una Di Meno - Milano

Contro la violenza maschile sulle donne e tutte le forme di violenza di genere

ilportodellenuvole.wordpress.com/

I tessitori di nuvole hanno i piedi ben piantati per terra

Variabili Multiple

Uguali e Diversi allo stesso tempo. A Sinistra con convinzione.

Blog delle donne

Un blog assolutamente femminista

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Critical thinking

Sociology, social policy, human rights

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

mammina(post)moderna

Just another WordPress.com site

Femminismi Italiani

Il portale dei femminismi italiani e dei centri antiviolenza

violetadyliphotographer

Just another WordPress.com site

Il Golem Femmina

Passare passioni, poesia, bellezza. Essere. Antigone contraria all'accidia del vivere quotidiano

Last Wave Feminist

"Feminism requires precisely what patriarchy destroys in women: unimpeachable bravery in confronting male power." Andrea Dworkin

Links feminisme

geen feminisme zonder socialisme, geen socialisme zonder feminisme

Rosapercaso

Il blog femminista che parla d'amore

vocedelverbomammmare

tutto, ma proprio tutto di noi

Stiamo tutti bene

Le tragicomiche avventure di una famiglia di nome e di fatto

Abolition du système prostitueur

Blog du collectif Abolition 2012

REAL for women

Reflecting Equality in Australian Legislation for women

Banishea

Gegen Prostitition. Für Frauen. Für Selbstbestimmung und Unabhängigkeit. Gegen Sexkauf. Not for Sale. Weil Frauen keine Ware sind.

Psicodinamica

idee di psicologia e psicoterapia

Sarah Ditum

Writing, etc.

Femina Invicta

Feminist. Activist. Blogger.

THE FEM

A Feminist Literary Magazine

O capitano! Mio capitano!...

"Ci sono persone che sanno tutto e purtroppo è tutto quello che sanno." [Oscar Wilde]

Diana

"Nell'ora più profonda della notte, confessa a te stesso che moriresti se ti fosse vietato scrivere. E guarda profondamente nel tuo cuore dove esso espande le sue radici, la risposta, e ti domandi, devo scrivere?". Rilke

irréductiblement féministe !

l'humanité sera civilisée quand elle aura aboli le système patriarcal et autres systèmes d'oppression politiques, économiques et religieux

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: