Nuvolette di pensieri

Mormora l'acqua del ruscello

Inaspettate

su 14 dicembre 2018


Il femminismo fa paura, così come una rivoluzione arriva come un vento forte, una marea inaspettata, e scardina consuetudini, cambia la percezione della realtà. Il femminismo, inaspettato irrompe nella scena della storia ed è stato capace di generare un disvelamento su potere, ruoli sociali, violenza maschile, relazioni tra i generi, discriminazioni, una uguaglianza che deve fare i conti con un istinto individualista, che ci deriva anche da un impianto neo liberista, che fondamentalmente invade ogni ambito, i diritti in primis.

Il femminismo spiazza, distrugge i pilastri culturali vecchi di secoli, ci ha permesso di rompere l’idea che per le donne tutto fosse destino e natura immutabile, permettendoci di mettere a fuoco un sistema patriarcale strutturato e deliberatamente misogino atto a mantenere la donna in posizione subordinata, di controllo, oppure di libertà apparente. Ed è di questa libertà che passa dal continuare ad assecondare certe regole, ruoli, assetti che non ce ne facciamo niente e costituisce l’emancipazione posticcia che ci hanno somministrato come anestetico.

Il femminismo ci ha permesso di dare forma a tutto questo, interpretando i fenomeni sotto una nuova luce. Il femminismo crea scompiglio, evidenzia modalità patriarcali in ogni contesto e ambito, anche nel modo di agire politico. È più che mai evidente che il cammino non è finito, i fatti dimostrano come l’alterità femminile non ha mai avuto pieno riconoscimento, è arrivata ma non si è compiuto appieno il percorso, non è maturata una nuova coscienza, un attribuire valore al contributo femminile nei fatti.

Il femminismo non insegna solo la resistenza alle prevaricazioni e discriminazioni maschiliste, ma ne riconosce la natura politica, ossia l’esercizio di un dominio vero e proprio e contro questo si batte. Il portato del femminismo fa paura e spesso viene negato o strumentalizzato, addomesticato, reso innocuo.

Il femminismo fa paura e genera spesso resistenze, perché mostra quanto intrecciate siano le questioni, i fenomeni, le discriminazioni, gli abusi, e di come altrettanto intersezionali debbano essere le risposte e le soluzioni.

Il femminismo genera forza, fierezza, capacità di reagire, per questo trova tanta ostilità tra uomini e donne.

Il femminismo fa paura perché è complesso e multiforme, difficilmente manipolabile se non previa ipersemplificazione e annacquamento.

Il femminismo fa paura perché sono le donne che parlano con la propria autentica voce nella storia, attraversano la realtà contaminandola di nuova consapevolezza e con una visione differente.

Il femminismo fa paura per il linguaggio di cui è portatore, perché allarga i confini del mondo, li spalanca e gli dona nuovi paesaggi mai esplorati prima. Il linguaggio, le parole, ciò che disvelano, hanno un peso, una storia, un valore prezioso. Questo fa paura, un uso consapevole del proprio pensiero, del proprio ragionamento, mettere in discussione le fondamenta patriarcali delle nostre società e sommuoverle dal profondo a partire da sé.

Il femminismo accende la miccia del cambiamento personale, per poi passare alla dimensione collettiva, è una scossa, l’innesco di una rivoluzione.

Non dobbiamo avere paura del femminismo, perché è qualcosa che ci riguarda da vicino, che ci ha permesso di raggiungere traguardi inimmaginabili, perché ha saputo immaginare un mondo diverso, valori e ideali differenti, rompere pregiudizi e stereotipi, allargare l’orizzonte delle donne per secoli confinate in ruoli e contesti angusti. Ci ha aperto lo sguardo su noi stesse, sulla nostra società, sul mondo.

Le strategie per demolire e scoraggiare l’adesione alla rivoluzione femminista sono molteplici: roba vecchia; le femministe sono acide e cattive, misandriche; le femministe hanno rovinato le relazioni con gli uomini e messo in testa alle donne tanti inesistenti dubbi; non ne abbiamo più bisogno, ora abbiamo tutto; sono divise anche tra loro; ingigantiscono i problemi; cercano guai e vedono tutto nero; le femministe odiano gli uomini; se sei femminista rischi l’isolamento e ti fai del male da sola.

Così di questo passo si deforma la realtà, si corrobora il mito del femminismo come speculare al maschilismo, si riduce l’opportunità di conoscere ed intraprendere un percorso. Gli sguardi e le ostilità con cui molte volte devo confrontarmi non sono sufficienti a fermarmi.
Continuerò a portare le mie idee e il mio agire femminista, perché anche se apparentemente penseranno di poterci silenziare e controllare, usare e pilotare, il cambiamento femminista non potranno arrestarlo, basta guardarsi attorno nel mondo.
Siamo l’imprevisto della storia, la libertà femminile è l’imprevisto che apre ad altri imprevisti. Per questo vi facciamo tanta paura quando con orgoglio agiamo nel mondo il nostro essere e sentire femminista.
Tremate tremate le streghe non sono mai andate via!

 

Per approfondire:

Alcune domande e (poche) risposte sul significato della parola femminista

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Non Una Di Meno - Milano

Contro la violenza maschile sulle donne e tutte le forme di violenza di genere

ilportodellenuvole.wordpress.com/

I tessitori di nuvole hanno i piedi ben piantati per terra

Variabili Multiple

Uguali e Diversi allo stesso tempo. A Sinistra con convinzione.

Blog delle donne

Un blog assolutamente femminista

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Critical thinking

Sociology, social policy, human rights

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

mammina(post)moderna

Just another WordPress.com site

Femminismi Italiani

Il portale dei femminismi italiani e dei centri antiviolenza

violetadyliphotographer

Just another WordPress.com site

Il Golem Femmina

Passare passioni, poesia, bellezza. Essere. Antigone contraria all'accidia del vivere quotidiano

Last Wave Feminist

"Feminism requires precisely what patriarchy destroys in women: unimpeachable bravery in confronting male power." Andrea Dworkin

Links feminisme

geen feminisme zonder socialisme, geen socialisme zonder feminisme

Rosapercaso

Il blog femminista che parla d'amore

vocedelverbomammmare

tutto, ma proprio tutto di noi

Stiamo tutti bene

Le tragicomiche avventure di una famiglia di nome e di fatto

Abolition du système prostitueur

Blog du collectif Abolition 2012

REAL for women

Reflecting Equality in Australian Legislation for women

Banishea

Gegen Prostitition. Für Frauen. Für Selbstbestimmung und Unabhängigkeit. Gegen Sexkauf. Not for Sale. Weil Frauen keine Ware sind.

Psicodinamica

idee di psicologia e psicoterapia

Sarah Ditum

Writing, etc.

Femina Invicta

Feminist. Activist. Blogger.

THE FEM

A Feminist Literary Magazine

O capitano! Mio capitano!...

"Ci sono persone che sanno tutto e purtroppo è tutto quello che sanno." [Oscar Wilde]

Diana

"Nell'ora più profonda della notte, confessa a te stesso che moriresti se ti fosse vietato scrivere. E guarda profondamente nel tuo cuore dove esso espande le sue radici, la risposta, e ti domandi, devo scrivere?". Rilke

irréductiblement féministe !

l'humanité sera civilisée quand elle aura aboli le système patriarcal et autres systèmes d'oppression politiques, économiques et religieux

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: