Nuvolette di pensieri

Mormora l'acqua del ruscello

Care compagne vi scrivo

7nmadrid

Care compagne vi scrivo, sì inizio così!
Siccome sono proprio stufa di aspettare che qualcosa si muova, ho preso il pc e ho iniziato a scrivervi.
Le nostre sorelle spagnole hanno organizzato una Marcia contro la violenza maschile contro le donne, prevista per il prossimo 7 novembre (QUI maggiori informazioni). La chiamata del movimento femminista ha accolto le adesioni e il sostegno di moltissime associazioni, di partiti politici e di organizzazioni sindacali.
La manifestazione sarà preceduta da una serie di azioni di sensibilizzazione, volte a promuovere la partecipazione di massa per le strade per denunciare la terribile realtà della violenza di cui soffrono migliaia di donne e che ha la sua massima espressione nei femminicidi.

CartelMarcha2
Le donne spagnole ci dimostrano ancora una volta che il luogo della politica delle donne è la strada, la piazza, uno spazio aperto per riunirsi spontaneamente, per dare un segnale di lotta, mai di resa a una realtà, quella della violenza in questo caso, che miete vittime ogni anno.
Una donna su tre tra i 16 e i 70 anni ha subito nel corso della propria vita una qualche forma di violenza fisica o sessuale. Oggi si denuncia di più, ma resta ancora forte lo stigma su queste donne, spesso oggetto di linciaggio mediatico, specie sui social network.
C’è uno sforzo nel contrastare questo fenomeno, ma non sembra bastare, se non si va alle sue radici. Alle origini di questa cultura dello stupro e della violenza c’è il patriarcato, che con un’azione di “restaurazione” cerca di riportare le donne sotto il totale controllo degli uomini, attraverso l’uso sistematico della violenza.
L’Italia ha aderito alla Convenzione di Istanbul ma una firma non è un sufficiente segnale di comprensione del fenomeno e di una volontà chiara di contrastarlo. I mezzi messi a disposizione sono sempre troppo pochi: con l’ultimo Piano antiviolenza è stato erogato qualche milione di euro alle Regioni, senza che venisse organizzato un controllo su come questi fondi vengono poi distribuiti e utilizzati. Non sempre si comprende la necessità di lavorare sulle nuove generazioni, contrastando le discriminazioni, aiutandole a comprendere la ricchezza e l’importanza delle differenze, impostando un lavoro fondato sulla cultura del rispetto, superando le barriere di genere, costruendo relazioni sane e non imperniate di cultura machista, facendo comprendere che la mascolinità non coincide con l’uso della forza e della sopraffazione. Altra grave mancanza è un efficace Piano anti-tratta. Manca una cabina di regia che sappia programmare e monitorare le azioni per contrastare le violenze. Sollecitiamo un Ministero delle Pari Opportunità e maggiori investimenti nel relativo Dipartimento.
Il machismo permea le nostre vite, tanto che per molte donne questa è “normalità”. Una normalità pericolosissima perché apre la porta a ogni tipo di violenza, le donne sono facilmente oggettificate, de-umanizzate, tanto che i loro diritti appaiono più deboli e facilmente bypassabili. Lo vediamo chiaramente con le nostre sorelle vittime di tratta. Ma questo riguarda le vite di tutte le ragazze e delle donne. Se si considera la donna sub-umana, inferiore a un essere umano di sesso maschile, sarà anche possibile ucciderla, cancellarla perché non rientra nello schema di donna costruito dagli uomini in secoli di storia.

Perché non ci siano più schiave sessuali, perché non siano tollerate le molestie, le violenze e le discriminazioni di qualsiasi tipo, perché non imperversino gli stereotipi sessisti che ci ingabbiano in ruoli atavici e che ci vogliono subordinate all’ordine patriarcale, che vivo e vegeto e produce tutto questo, dovremmo scendere in piazza anche in Italia. Superando i nostri steccati e uscendo ognuna dai propri antri autoreferenziali, perché lo dobbiamo a tutte noi e, soprattutto alle future generazioni di donne e uomini.

Unica deve essere la parola d’ordine di questa manifestazione:
LA VIOLENZA NON HA MAI SENSO O GIUSTIFICAZIONE! LA VIOLENZA NON DEVE AVERE SPAZIO NELLE NOSTRE VITE!
Basta violenze, basta femminicidi, non dobbiamo assuefarci alla violenza. La violenza deve diventare una questione di stato ai primi posti dell’agenda politica.

Chiediamo, quindi, che si attui pienamente in Italia la Convenzione di Istanbul e che si seguano puntualmente le raccomandazioni CEDAW, monitorandone periodicamente l’applicazione. Siamo stanche di promesse che rimangono parole non accompagnate dai conseguenti fatti.

Ultimamente le donne italiane hanno scelto un ripiegamento nella dimensione privata, personale, incomprensibile e autolesionista, un ripiegamento silenzioso che necessita di essere ascoltato e condiviso. Per questo motivo dobbiamo essere in piazza, perché non si smetta di ascoltare le nostre voci, storie e testimonianze, perché solo se ci siamo tutte insieme (e direi TUTTI insieme) le nostre battaglie avranno forza e potranno incidere significativamente. Ci devono ascoltare non solo il 25 novembre, perché quella data simbolica non basta più a contenere le rivendicazioni delle donne italiane contro ogni forma assunta dalla violenza di genere.

Stiliamo insieme un manifesto, che leghi le nostre marce piccole o grandi, in ogni quartiere, borgo, paese, città della penisola e lavoriamo a questo appuntamento, ognuna con le proprie idee e contributi, semmai gemellandoci con le nostre sorelle spagnole.

Potrebbe anche essere l’occasione per abbracciarne altre, quelle che arrivano in Italia quali vittime di tratta, a fini sessuali o lavorativi. Sappiamo che la violenza che subiscono prima e dopo il loro arrivo nel nostro Paese deriva dalla domanda di sesso a pagamento da parte degli uomini, nostri partner, amici, familiari. Come non c’è spazio per la violenza, cogliamo la possibilità di gridare a viva voce che non ci può essere tolleranza per queste nuove schiavitù.

Esigiamo che tutti i livelli istituzionali si impegnino a contrastare la violenza contro le donne, in ogni sua forma e in ogni ambito della nostra vita. Qualsiasi politica si decida di mettere in campo, ci auguriamo che ci si ricordi che si tratta di difendere delle vite umane, di donne in carne e ossa, con le loro storie reali, che hanno diritto a vivere serenamente senza che qualcuno decida di rovinare e distruggere le loro esistenze. E, soprattutto, impariamo a credere alle donne e sosteniamole davvero, perché una donna che si sente sola e sotto giudizio avrà più paura di denunciare le violenze.

Non possiamo più stare ferme ad assistere a tante vite interrotte perché tanti non-uomini decidono di farlo. Uniamo le idee, troviamo la formula giusta e manifestiamo insieme! Con le nostre voci libere, i nostri cartelloni faidate, le nostre parole piene di energia, per non dimenticare tutte le donne che hanno vissuto e vivono e vivranno questo orrore sulla propria pelle. Basta veramente poco per dare quel segnale forte, che in tante aspettano, soprattutto quelle donne oppresse dall’impotenza della rassegnazione di una vita fatta di soprusi, sopraffazione e tanta, tanta violenza, fino a poterne morire.

marcha7nmadrid

ADESIONI per lavorare insieme a un manifesto unitario,

che sia di supporto ad una Manifestazione nazionale

contro la violenza sulle donne:

donneinmovimento25n@gmail.com

 

Dale Zaccaria – Roma 

Ilenia Velmi – Brescia 

Maddalena Robustelli – Sala Consilina

Stefania Anarkikka Spanò – Itri 

Giovanna Ferrari – Modena 

Associazione Genere Femminile – Roma 

Laura Onofri – Comitato SNOQ Torino 

Olga Ricci – Toglimi le mani di dosso

Simona Milani – Torino 

Serena Caldarone – Cuneo 

Michela Dallona – Nizza 

Daniela Cirilli – Roma 

Beatrice Pesimena – Bassano del Grappa 

Annadebora Morabito – Roma

Daniela Medea – Udine 

Donatella Proietti Cerquoni 

Antonella Berte’ – Piacenza 

Mauro Giovanelli – Genova 

Leonardo Scattone – Roma 

Laura Marrucci – Pisa 

Massimo Romani – Roseto 

Mimma Carta – Centro antiviolenza di Monza

Marinetta Di Gravina – Trani 

Roberta Manfredini – Associazione APIC

Nadia Somma – Milano 

Chiara Rossini – Brescia 

Francesca Ena -Centro Anti violenza “io non ho paura” donne contro la violenza Onlus

Edda Billi  – Roma 

Tiziana Pirola  

Tina Rossi – Gorizia

Anna Littardi – Imperia Oneglia 

Gabriella Rustici – Siena  

Luciana Pastorelli – Arezzo 

Claudia Forini – Mantova 

Rosalba Diana – Pordenone 

Avv. Anna Maria Teresa Manente

Elvira Alessi – Ass. “angeli senza fine”

Suny Vecchi Frigio – Ancona 

Chiara Valli – Castegnato 

Katia Menchetti – Lodi 

Licia Palmentieri – Napoli 

Barbara Giorgi – Massa 

Bambole spettinate e diavole del focolare

Il Ricciocorno Schiattoso 

Maddalena Lo Fiego – Pistoia 

Teresa Pezzi – Francavilla al Mare

Paola Baglini – Cascina (PI) 

Roberta Schiralli – Trani 

Simona Cappiello – Napoli 

Maria Grazia Alibrando – Genova/Milazzo
Frida Alberti – La Spezia 

Ausonia Minniti – Demetra Donne – Trezzano s/N, Mi
Adriana Perrotta – Milano
Barbara D’Errico – Milano
Alida Mazzaro – Roma
Silvia Rossini – Brescia
Greetje van der Veer – Villa San Sebastiano (AQ)
Mila Spicola – Palermo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

9 commenti »

tiritere72663953.wordpress.com/

"Alle giovani dico sempre di non abbassare la guardia, non si sa mai". Miriam Mafai

Il blog di Paola Bocci

Vi porto in Regione con me

Non Una Di Meno - Milano

Contro la violenza maschile sulle donne e tutte le forme di violenza di genere

ilportodellenuvole.wordpress.com/

I tessitori di nuvole hanno i piedi ben piantati per terra

Variabili Multiple

Uguali e Diversi allo stesso tempo. A Sinistra con convinzione.

Blog delle donne

Un blog assolutamente femminista

PARLA DELLA RUSSIA

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Critical thinking

Sociology, social policy, human rights

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

mammina(post)moderna

Just another WordPress.com site

Femminismi Italiani

Il portale dei femminismi italiani e dei centri antiviolenza

violetadyliphotographer

Just another WordPress.com site

Il Golem Femmina

Passare passioni, poesia, bellezza. Essere. Antigone contraria all'accidia del vivere quotidiano

Last Wave Feminist

"Feminism requires precisely what patriarchy destroys in women: unimpeachable bravery in confronting male power." Andrea Dworkin

Links feminisme

geen feminisme zonder socialisme, geen socialisme zonder feminisme

Rosapercaso

La felicità delle donne è sempre ribelle

vocedelverbomammmare

tutto, ma proprio tutto di noi

Stiamo tutti bene

Le tragicomiche avventure di una famiglia di nome e di fatto

Abolition du système prostitueur

Blog du collectif Abolition 2012

REAL for women

Reflecting Equality in Australian Legislation for women

Banishea

Gegen Prostitition. Für Frauen. Für Selbstbestimmung und Unabhängigkeit. Gegen Sexkauf. Not for Sale. Weil Frauen keine Ware sind.

Psicodinamica

idee di psicologia e psicoterapia

Sarah Ditum

Writing, etc.

Femina Invicta

Feminist. Activist. Blogger.

THE FEM

A Feminist Literary Magazine