Nuvolette di pensieri

Mormora l'acqua del ruscello

Oltremare

su 22 aprile 2015
©Anarkikka di Stefania Spanò

©Anarkikka di Stefania Spanò

 

Di fronte a questo genocidio del mare ad opera di uomini e organizzazioni criminali internazionali senza scrupoli, non possiamo restare indifferenti, e non possiamo tirarci fuori, perché ne siamo responsabili, anche se qualcuno si ostina a tirarsi fuori. Come trasformare il dolore e l’indignazione che ci coglie dopo un’ennesima tragedia che si consuma in mare, vicino alle nostre coste dipinte come l’Eden a cui aspirare, in un’azione permanente e tangibile che superi il momento contingente e ci porti a rifiutare tutto questo e a combattere chi sulla tratta di esseri umani si arricchisce e prospera? Perché dovremmo tutti insieme rifiutare questa carneficina, perché chi non muore in mare, spesso è destinato a vivere l’inferno su questa terra. Lo stesso dolore che proviamo di fronte a ogni ennesima tragedia del mare, dovremmo provarlo ogni giorno, consapevoli di quel che accade in Italia e in tutti i Paesi di destinazione. Perché questa immane tragedia è permanente, tra chi muore e chi viene privato dei suoi diritti prima, durante e dopo la traversata. Ne scrivevo qualche giorno fa (qui). La tratta ha il volto di questi uomini, donne e bambini, nuovi schiavi di un mercato criminale con rotte internazionali che portano carne per alimentare i nostri Paesi. C’è di tutto, lavoro forzato, prostituzione, traffico d’organi e una serie di altri orrori. La tratta non si ferma, quando i media smettono di seguire le disgrazie dei migranti. La violenza a cui vengono sottoposti non si spegne e il nostro silenzio si tinge di connivenza, se non ci sentiremo responsabili e se non capiremo che molte delle soluzioni dipendono da noi, dal nostro modo di essere cittadini. Lo capiremo solo quando usciremo dal nostro individualismo ed egoismo ciechi. Iniziamo a conoscere seriamente il fenomeno, capiremo che il quadro è molto più ampio e ramificato e che ci tocca in prima persona. Sono i nostri fratelli, le nostre sorelle, SEMPRE, non solo quando ci fa comodo o fanno notizia. Chiudere gli occhi e le frontiere non è umano, ci rende carnefici, il monstrum spesso abita dentro di noi, anche se per alcuni è più rasserenante continuare a volerlo vedere altrove, distante da noi. Il primo passo per iniziare a invertire la nostra rotta fatta di indifferenza o di empatia a singhiozzo, sarebbe ricordarci le nostre traversate oceaniche. Un secondo, comprendere le ragioni di chi migra. Un terzo, conoscere il fenomeno della tratta di esseri umani.

Annunci

One response to “Oltremare

  1. cristinadellamore ha detto:

    E’ una questione di potere, come sempre

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Non Una Di Meno - Milano

Sciopero globale Lotto Marzo

paroladistrega

BARBARA GIORGI

Variabili Multiple

Uguali e Diversi allo stesso tempo. A Sinistra con convinzione.

Blog delle donne

Un blog assolutamente femminista

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Storm Turchi

Queer sociology, queer feminism, academia

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

mammina(post)moderna

Just another WordPress.com site

Femminismi Italiani

Il portale dei femminismi italiani e dei centri antiviolenza

violetadyliphotographer

Just another WordPress.com site

Last Wave Feminist

"Feminism requires precisely what patriarchy destroys in women: unimpeachable bravery in confronting male power." Andrea Dworkin

Links feminisme

geen feminisme zonder socialisme, geen socialisme zonder feminisme

Rosapercaso

O di come una femminista convinta iniziò a scrivere rosa

vocedelverbomammmare

tutto, ma proprio tutto di noi

Stiamo tutti bene

Le tragicomiche avventure di una famiglia di nome e di fatto

Abolition du système prostitueur

Blog du collectif Abolition 2012

REAL for women

Reflecting Equality in Australian Legislation for women

Banishea

Gegen Prostitition. Für Frauen. Für Selbstbestimmung und Unabhängigkeit. Gegen Sexkauf. Not for Sale. Weil Frauen keine Ware sind.

Psicodinamica

idee di psicologia e psicoterapia

Sarah Ditum

Writing, etc.

Femina Invicta

Feminist. Activist. Blogger.

THE FEM

A Feminist Literary Magazine

O capitano! Mio capitano!...

"Ci sono persone che sanno tutto e purtroppo è tutto quello che sanno." [Oscar Wilde]

Diana

"Vedete, ci sono ancora deboli barlumi di civiltà lasciati in questo mattatoio barbaro che una volta era conosciuto come umanità." Monsieur Gustave H - Grand Budapest Hotel -

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: