Nuvolette di pensieri

Mormora l'acqua del ruscello

Discendenza e vita economica

su 5 dicembre 2014

discendenza

Riflettevo nel mio post su quale potesse essere l’origine del comportamento dell’uomo che cerca di sottomettere e controllare il corpo della donna, la sua vita, le sue capacità riproduttive. Sempre facendo riferimento al tentativo dell’uomo di superarsi e di trascendere se stesso, l’uomo cerca di dominare in primis la Natura, creando strumenti sempre più sofisticati per l’agricoltura, poi gli altri uomini e infine la donna (psicanaliticamente dipinta come il soggetto alienato per eccellenza). Riprendo Engels. C’è un momento in cui, in una divisione primitiva del lavoro, agricoltura e lavoro domestico si equivalevano e concorrevano in egual misura al benessere del gruppo. A un certo punto, il passaggio a forme di produzione e di economia più complesse, che esigevano una forza maggiore, ha creato di fatto l’esigenza di avvalersi dei servigi di altri uomini. L’uomo diventa padrone di terre e di altri uomini, generando di fatto la proprietà privata. In questo possesso rientra naturalmente anche la donna. Il lavoro domestico diventa un di più di scarso valore, in una società in cui il lavoro dell’uomo invece assume un ruolo primario. Il diritto paterno sostituisce quello materno: si tramanda il potere (e le proprietà) di padre in figlio, non più dalla donna al suo clan. Si chiama modello patriarcale. Il materialismo storico non spiega a sufficienza come avvengono i passaggi che abbiamo citato, dandoli quasi come dati di fatto, come ad esempio il legame d’interesse che lega l’uomo alla proprietà privata. Così come non si comprende come mai nel pensiero socialista, grazie all’integrazione delle donne nella produzione, si avrà un superamento della sottomissione del genere femminile, che verrà assimilato nella categoria “lavoratori”. Sul fallimento (ne avevo già parlato qui a proposito di alcune argomentazioni di Simone de Beauvoir) della strategia femminista che identifica il lavoro retribuito come la via per la liberazione delle donne tornerò in un altro post.

Per colmare il vuoto sulle cause originarie, occorre utilizzare quel ragionamento che avevo introdotto nel post La Natura, l’Altro e l’Altra. Per comprendere è necessario ripescare l’idea di un soggetto che voglia imporsi come individualità autonoma, cercando se stesso in una forma estranea che fa sua, alienandosi in essa. Il territorio che egli conquista e fa proprio attraverso i suoi strumenti diventa di una importanza immensa, perché in esso ritrova se stesso. Ma per spiegare la sottomissione della donna dobbiamo aggiungere un altro tassello. Se i rapporti umani fossero da sempre stati contraddistinti da un tipo di associazione amichevole, non ci sarebbe stato nessun asservimento. Simone de Beauvoir, parla di “imperialismo insito nella coscienza umana, che cerca di realizzare nell’oggetto la propria sovranità”. Era il discorso sul predominio sull’Altro che facevo nel mio post. Quindi non è lo sviluppo tecnologico a spiegare da solo il processo di sfruttamento. Engels non approfondisce il carattere speciale dell’oppressione delle donne, riducendo le disparità tra i sessi a un mero conflitto di classe. Nella scissione tra le classi non ci sono questioni biologiche, l’operaio oppresso prende coscienza di sé contro il padrone, sperimentando da sempre il conflitto che può portare a invertire la situazione: “il proletariato mira a sparire come classe”. “La donna non vuole abolirsi come sesso”, ma cercare di eliminare le conseguenze negative di una differenza sessuale che ha invaso ogni ambito della sua vita, impedendone uno sviluppo pieno e pregiudicandone il libero godimento.

 

to be continued

Annunci

4 responses to “Discendenza e vita economica

  1. IDA ha detto:

    Uno degli elementi da non sottovalutare sull’affermazione del dominio, (patriarcato) è la nascita delle città, civitas da cui deriva cittadino e civiltà. quindi la necessità d’imporre dalla più piccola forma (famiglia) alla più grande (stato) lo stesso modello relazionale e la stessa struttura. Cosa è nato prima la città o la proprietà privata? Certamente la proprietà privata, perchè la città nasce a difesa della proprietà privata. L’origine della proprietà privata penso che sia più complesso e difficile da stabilirlo, ma di certo è stata talmente virulenta e devastante nei rapporti sociali.. Engels, nel suo lavoro “l’origine della famiglia della proprietà privata e dello stato” quando analizza la gens Irochese, ci descrive la nazione indiana, formata da tante piccole comunità (tribù) autonome e indipendenti. Governate da un consiglio, costituito anche da donne. Questo era possibile perchè non esisteva la proprietà privata. Non esisteva il matrimonio erano delle famiglie allargate.. anche la suddivisione dei ruoli era molto libera, questo fino alla fine della prima guerra indiana del nord-ovest, nel 1793.

    Mi piace

  2. Paolo ha detto:

    ma infatti non c’è bisogno di abolirsi come sesso (e non è nè possibile nè auspcabile) ma avere pari opportunità sì

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Non Una Di Meno - Milano

Sciopero globale Lotto Marzo

ilportodellenuvole.wordpress.com/

I tessitori di nuvole hanno i piedi ben piantati per terra

paroladistrega

BARBARA GIORGI

Variabili Multiple

Uguali e Diversi allo stesso tempo. A Sinistra con convinzione.

Blog delle donne

Un blog assolutamente femminista

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Unraveling the mistery of time

Whatever happens in my life and is worth writing about

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

mammina(post)moderna

Just another WordPress.com site

Femminismi Italiani

Il portale dei femminismi italiani e dei centri antiviolenza

violetadyliphotographer

Just another WordPress.com site

Last Wave Feminist

"Feminism requires precisely what patriarchy destroys in women: unimpeachable bravery in confronting male power." Andrea Dworkin

Links feminisme

geen feminisme zonder socialisme, geen socialisme zonder feminisme

Rosapercaso

O di come una femminista convinta iniziò a scrivere rosa

vocedelverbomammmare

tutto, ma proprio tutto di noi

Stiamo tutti bene

Le tragicomiche avventure di una famiglia di nome e di fatto

Abolition du système prostitueur

Blog du collectif Abolition 2012

REAL for women

Reflecting Equality in Australian Legislation for women

Banishea

Gegen Prostitition. Für Frauen. Für Selbstbestimmung und Unabhängigkeit. Gegen Sexkauf. Not for Sale. Weil Frauen keine Ware sind.

Psicodinamica

idee di psicologia e psicoterapia

Sarah Ditum

Writing, etc.

Femina Invicta

Feminist. Activist. Blogger.

THE FEM

A Feminist Literary Magazine

O capitano! Mio capitano!...

"Ci sono persone che sanno tutto e purtroppo è tutto quello che sanno." [Oscar Wilde]

Diana

"Vedete, ci sono ancora deboli barlumi di civiltà lasciati in questo mattatoio barbaro che una volta era conosciuto come umanità." Monsieur Gustave H - Grand Budapest Hotel -

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: