Nuvolette di pensieri

Mormora l'acqua del ruscello

Una donna di troppo

su 28 giugno 2014

20140622_161243

Ci sono incontri e casualità che mi portano a pensare. Qualche giorno fa alla Ladyfest ho incontrato Daniela Pellegrini. Quando la senti parlare capisci che la pasta di cui è fatta è preziosa, che le sue parole e i suoi pensieri sono stati il frutto di anni di riflessione, di letture e di confronti/scontri. Lei che già negli anni ’60 aveva intuito la necessità di superare il dualismo sessuale o sessuato (basato sui ruoli attribuiti attraverso la cultura) maschio/femmina e in generale in ogni contesto umano.

“Bisogna uscire dalla relazione/scissione del ‘due’ ed entrare in una terza posizione. La terza posizione sta a significare un ‘relativo plurale di ogni differenza’, e perciò di ogni ‘parzialità’ di soggetti e soggettività”.

Qualche giorno fa mi trovavo in biblioteca alla ricerca di un libro e mi sono imbattuta nel suo lavoro Una donna di troppo (Fondazione Badaracco – Franco Angeli 2012, parte della collana Letture d’archivio curata da Lea Melandri): casualmente era appena stato acquisito dalla biblioteca rionale. Penso che non sia per caso, penso che questo testo mi sia arrivato per dirmi qualcosa.
Ho iniziato a leggerlo e subito ho avuto mille sollecitazioni, scoperte e mi sono sentita meno sola.
La sua scrittura, a volte ostica per i mille richiami al mondo dell’antropologia, della psicanalisi, di tutti i mondi di cui Daniela si è nutrita, mi ha rinfrancata e mi ha dato la misura della distanza con quel modo di costruire un movimento. Ho avuto la sensazione di quanto si fosse impoverito il movimento nel tempo. Quel lessico, quella ricerca, quella profondità e quella capacità di analisi e di approfondimento oggi sono merce rara. Tutto era curato, anche ciò che era improvvisato mostrava un livello e una capacità di profondità notevoli. C’era l’energia, la fiducia, l’istinto, la passione, mai l’urlo o la rabbia che soffoca qualsiasi riflessione.
La sua è una collezione di documenti di una vita politica, vissuta appassionatamente in prima persona, a partire dai tasselli proto-femministi dei primi anni ’60, passando per l’esplosione del Movimento delle donne, per giungere vicino ai nostri giorni. C’è, a rileggere quelle carte, la sensazione che qualcosa sia inevitabilmente mutato, ma non in una direzione utile e sperata. Così, l’emancipazione si è incanalata nell’integrazione della donna in quel mondo confezionato dagli uomini, con tutte le implicazioni e i compromessi di cui parla Daniela e da cui voleva tenersi lontana.
L’autrice tenta la ricerca e la definizione di un metodo per l’emancipazione delle donne. La prassi seguita all’epoca da numerose realtà associative prevedeva l’istituzione di particolari accorgimenti pratici al fine di inserire le donne nella società, “così com’è costituita nel momento in cui essa agisce”. Tutto questo sarebbe funzionale al superamento delle impasse dei compiti femminili che frenano l’azione extra-familiare. Al contempo si richiedono dei “trattamenti di favore”, perché al momento questi “freni” non sono ancora stati superati, ma sono riconosciute come sostanzialmente inscindibili dall’esser femmina. Insomma, la donna stretta in questa morsa non ci guadagna nulla. Ecco che la Pellegrini critica il metodo di integrazione: “significa immettere la donna nella società così com’è , di tradizione decisionale maschile, con degli accorgimenti che, non eliminando l’inconciliabilità dei ruoli prefissati, ne permettono la coesistenza nelle sole donne”. L’integrazione obbliga la donna a trovare un compromesso, a barcamenarsi tra le due dimensioni, ricavandone solo un “doppio aggravio”, con la conferma di non essere in grado di “adeguarsi al mondo maschile” e con ben poche possibilità di autodefinirsi e autodeterminarsi. Da qui la necessità di abbandonare le strutture teoriche create dagli uomini, “per valutarci libere dalle panie e limitazioni che i due poli sessuali, interpretati da altri e non da noi stesse”.
Possiamo dire che quest’analisi è tuttora molto attuale, siamo ferme. Non siamo riuscite a sviluppare inediti strumenti e chiavi di lettura, soluzioni alternative che superassero i ruoli predeterminati. Siamo state lusingate dal canto delle sirene dell’integrazione e abbiamo abbandonato la ricerca di nuove soluzioni culturali. La questione femminile non è riuscita a diventare un “problema” sociale complessivo, quella “rivoluzione ontologica” che coinvolge tutto l’essere. Ci siamo accontentate delle briciole.
Tornerò sul volume di Daniela Pellegrini, perché, come ho già detto, sono molteplici le sollecitazioni che mi ha fornito.

Ringrazio Nicoletta Poidimani per l’intervista a Daniela Pellegrini.

Annunci

4 responses to “Una donna di troppo

  1. Paolo ha detto:

    i poli sessuali non sono mere invenzioni “decise da altri” in cui noi non abbiamo ruolo (sopratutto oggi). mascolinità e femminilità esistono, possono essere vissute in tanti modi quanti sono gli uomini e le donne, modi statisticamente e culturalmente più o meno diffusi ma di per sè tutti legittimi e autentici.
    E la condanna dell'”enfatizzazione del materno” non deve diventare una negazione della maternità che esiste e fa parte nel bene e nel male della vita, come ne fa parte la paternità

    Mi piace

  2. […] feminino è quanto di peggio ci si possa augurare, almeno dal mio punto di vista. Ho già espresso qui, condividendo una riflessione di Daniela Pellegrini, la mia posizione in merito. La ritrovo per […]

    Mi piace

  3. massimo monti ha detto:

    francamente trovo deprimente il grande agitarsi di gruppi di donne mosse dalla frustrazione più che da veri ideali. Intanto non è chiaro a quale titolo un manipolo di femministe si arroghi la rappresentanza delle donne., le quali hanno, se non fossero mosse da ottuso egoismo, hanno problemi ben più importanti. e’ di oggi la notizia, pubblicata da La Stampa su twitter che una studentessa di 18 è svenuta in aula per un aborto in corso Il giornale precisava: il quarto-Le donne non fanno più figli adducendo. more solito, ragioni risibili, come assenza di asili ecc.Le nostre bisnonne(Le nonne erano già quelle dell’utero e mio e lo gestisco io) hanno partorito in situazioni di estrema difficolta. Quei pochi figli che nascono, spesso con padre sconosciuto, vengono abbandonati a se stessi, prese dal proprio egoismo le nuove madri, quasi tutte anziane, prima facevano altro uso dell’organo genitale, non sanno e non vogliono educarli. Così le ragazzine fanno sesse nelle scuole, si prostituiscono, la criminalità minorile non è mai stata così diffusa.Di tutto ciò alla “femministe” non sembra importare nulla.Usano slogan come quella della poveretta che per nostra sventura presciede la Camera, Boldrini la suffragetta d’antan. Le donne, non solo non sono svantaggiate ma grandemente favorite, nel diritto di famiglia come nella applicazione delle leggi civili e penali, nell’imprenditoria femminile, quote rosa. Abilità e ambiguità femminile, note dai tempi dei tempi hanno avuto l’abilità di omologare l’idea, per cui maschilismo è brutto, femminismo è bello. Ben quattro ministre hanno dovuuto dimetersi dal governo, mentre Boschi e resta lì come Fedeli, ministra dell’Università che presenta una laurea falsa e resta al suo posto. Quando vi capiterà di fare i conti con un chirurgo donna, è già successo, un pilota donna, eccc. temo la “fede” femminista non vi salverà. Per questo provo più che altro una profonda pena per voi e i vostri problemi che certo non saranno le carnevalate in piazza a risolvere.

    Mi piace

    • Paolo ha detto:

      piloti donna e chirurghi donna sono competenti o meno come gli uomini. Il suo intervento è un concentrato di misoginia, sessuofobia e bigottismo.Lei è un reazionario ma si rassegni: l’epoca della sua bisnonna non tornerà più, per fortuna perchè era un’epoca di sessuofobia e maschilismo orrendo

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Non Una Di Meno - Milano

Sciopero globale Lotto Marzo

ilportodellenuvole.wordpress.com/

I tessitori di nuvole hanno i piedi ben piantati per terra

paroladistrega

BARBARA GIORGI

Variabili Multiple

Uguali e Diversi allo stesso tempo. A Sinistra con convinzione.

Blog delle donne

Un blog assolutamente femminista

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Time will tell

And I'll be there to listen

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

mammina(post)moderna

Just another WordPress.com site

Femminismi Italiani

Il portale dei femminismi italiani e dei centri antiviolenza

violetadyliphotographer

Just another WordPress.com site

Last Wave Feminist

"Feminism requires precisely what patriarchy destroys in women: unimpeachable bravery in confronting male power." Andrea Dworkin

Links feminisme

geen feminisme zonder socialisme, geen socialisme zonder feminisme

Rosapercaso

Una femminista alle prese con il rosa

vocedelverbomammmare

tutto, ma proprio tutto di noi

Stiamo tutti bene

Le tragicomiche avventure di una famiglia di nome e di fatto

Abolition du système prostitueur

Blog du collectif Abolition 2012

REAL for women

Reflecting Equality in Australian Legislation for women

Banishea

Gegen Prostitition. Für Frauen. Für Selbstbestimmung und Unabhängigkeit. Gegen Sexkauf. Not for Sale. Weil Frauen keine Ware sind.

Psicodinamica

idee di psicologia e psicoterapia

Sarah Ditum

Writing, etc.

Femina Invicta

Feminist. Activist. Blogger.

THE FEM

A Feminist Literary Magazine

O capitano! Mio capitano!...

"Ci sono persone che sanno tutto e purtroppo è tutto quello che sanno." [Oscar Wilde]

Diana

"Nell'ora più profonda della notte, confessa a te stesso che moriresti se ti fosse vietato scrivere. E guarda profondamente nel tuo cuore dove esso espande le sue radici, la risposta, e ti domandi, devo scrivere?". Rilke

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: