Nuvolette di pensieri

Mormora l'acqua del ruscello

L’individuo e la collettività

su 18 maggio 2014
Marc Chagall - Campo di grano in un pomeriggio d'estate, 1942

Marc Chagall – Campo di grano in un pomeriggio d’estate, 1942

 

L’unica possibilità di ottenere risultati concreti e duraturi per tutti coloro che si sentono vittime di discriminazione è data dall’appellarsi alla categoria del “morale”.

La mentalità contemporanea ultraliberale pone l’accento sulla totale libertà dell’individuo di fare come meglio gli aggrada (anche a scapito di una lesione dello speculare diritto altrui?), questo al di là di una concezione di società come unione di persone che intessono relazioni basate su paradigmi e regole implicite. Bisogna però stare attenti alle conseguenze a cui questa mentalità può portare. Se in astratto la teoria ultraliberale potrebbe essere considerata come pleonastica, in realtà essa racchiude un vizio di forma, poiché non fa alcun riferimento alla storicità della società. In altre parole considera lo stato delle cose come se fosse sempre a un punto zero, da dove partire e sviluppare “il migliore dei mondi possibili”, mentre in realtà bisogna affrontare il fatto che nella società si agisce all’interno di strutture di sudditanza storicamente affermatesi e di cui non si può far finta di niente. Non sarà certo riferendosi alla libertà dell’individuo, per quanto questa possa essere un valore reale, che si possono sostituire ai rapporti di forza esistenti, nuovi rapporti sociali, poiché è evidente che le libertà di chi si trova in una situazione di superiorità sociale avrà sempre uno spettro piu ampio di coloro che lottano per la sola sopravvivenza. Solamente la volontà di cambiare le strutture al di fuori dell’interesse personale e della propria libertà, in vista di una società essenzialmente libera (e non di una società di individui liberi) può portare all’eliminazione dei rapporti di forza così come sono sempre stati. Ma questa volontà è per forza sviluppabile in quella categoria di valori astratti legati al “giusto” e allo “sbagliato” del morale.

Per concretizzare quanto ho cercato di spiegare, poniamo l’esempio della contrattazione sul lavoro e sulla retribuzione. Ci sono indubbiamente tipologie di persone più o meno forti in sede di colloquio o quando si stanno stabilendo diritti e paga. Se si è dipendenti da una necessità impellente di lavorare, per svariati motivi (che possono andare dalla famiglia da mantenere fino all’impossibilità di avere un altra fonte di sussistenza anche solo per sé), di certo non si avrà la stessa quota di libertà e di autonomia, la stessa forza contrattuale di una persona che ha comunque le spalle coperte e che ha alternative di sopravvivenza e di vita, derivanti da rendite familiari o da altro.

La libertà ha tante misure diverse e tanti ostacoli: dobbiamo avere il coraggio di constatare questa naturale differenza e cercare di trovare soluzioni eque, che riequilibrino al meglio queste distanze, di varia origine. Per questo occorre ragionare in termini più ampi, superando la dimensione meramente individualistica. Qui entra in gioco la dimensione politica del nostro agire e del nostro pensare a soluzioni.

Aggiornamento del 19 maggio 2014

Vi consiglio questo bel post di Cristina Morini.


2 responses to “L’individuo e la collettività

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

tiritere72663953.wordpress.com/

"Alle giovani dico sempre di non abbassare la guardia, non si sa mai". Miriam Mafai

Il blog di Paola Bocci

Vi porto in Regione con me

Non Una Di Meno - Milano

Contro la violenza maschile sulle donne e tutte le forme di violenza di genere

ilportodellenuvole.wordpress.com/

I tessitori di nuvole hanno i piedi ben piantati per terra

Variabili Multiple

Uguali e Diversi allo stesso tempo. A Sinistra con convinzione.

Blog delle donne

Un blog assolutamente femminista

PARLA DELLA RUSSIA

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Critical thinking

Sociology, social policy, human rights

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

mammina(post)moderna

Just another WordPress.com site

Femminismi Italiani

Il portale dei femminismi italiani e dei centri antiviolenza

violetadyliphotographer

Just another WordPress.com site

Il Golem Femmina

Passare passioni, poesia, bellezza. Essere. Antigone contraria all'accidia del vivere quotidiano

Last Wave Feminist

"Feminism requires precisely what patriarchy destroys in women: unimpeachable bravery in confronting male power." Andrea Dworkin

Links feminisme

geen feminisme zonder socialisme, geen socialisme zonder feminisme

Rosapercaso

La felicità delle donne è sempre ribelle

vocedelverbomammmare

tutto, ma proprio tutto di noi

Stiamo tutti bene

Le tragicomiche avventure di una famiglia di nome e di fatto

Abolition du système prostitueur

Blog du collectif Abolition 2012

REAL for women

Reflecting Equality in Australian Legislation for women

Banishea

Gegen Prostitition. Für Frauen. Für Selbstbestimmung und Unabhängigkeit. Gegen Sexkauf. Not for Sale. Weil Frauen keine Ware sind.

Psicodinamica

idee di psicologia e psicoterapia

Sarah Ditum

Writing, etc.

Femina Invicta

Feminist. Activist. Blogger.

THE FEM

A Feminist Literary Magazine

O capitano! Mio capitano!...

"Ci sono persone che sanno tutto e purtroppo è tutto quello che sanno." [Oscar Wilde]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: