Nuvolette di pensieri

Mormora l'acqua del ruscello

Questione di censo

su 13 aprile 2014

140 year old mom, with 5 day old son

A ridosso dello svuotamento della legge 40, riflettevo su una questione, che coinvolge anche l’IVG. I paletti che vengono posti, gli impedimenti, gli ostacoli valgono solo per coloro che non si possono permettere di pagare o di andare all’estero. Si tratta di divieti o muri che valgono solo per chi non ha disponibilità economiche. Chi è benestante può aggirare il problema e non venire sottoposto a una pressione psicologica terribile.
Lo stesso meccanismo avverrebbe nel caso si reintroducesse il divieto di abortire, con reato annesso.
Innanzitutto, si porrebbero i problemi di applicazione di un simile disegno, come imporre una maternità coatta? Questo tema è in parte spiegato in questo articolo di Chiara Lalli, apparso su WIRED.

Ma io aggiungo una ulteriore questione. Una legge che vieti l’aborto non escluderà l’aborto clandestino, anche a scapito della salute delle donne, così come non potrà imprigionare le gestanti, per effettuare un controllo costante durante tutti i 9 mesi. Cosa si potrà fare? Fare visite settimanali a tutte le donne in età fertile, per controllare il loro “stato”?
Questa legge creerebbe solo una discriminazione economica, perché chi potrà, andrà all’estero ad abortire in totale libertà e sicurezza.
Sono state rispolverate anche le etichette, le frasi compassionevoli e tutto l’intero armamentario della colpa. Naturalmente questo non tocca le “nate bene”.
Quello che è accaduto nel nostro paese è appunto una discriminazione di classe, di categorie sociali. Trovo questa una vera persecuzione ai danni delle porzioni di società più svantaggiate. Si è voluta creare una separazione, due differenti trattamenti.
Forse la questione confessionale svolge solo un ruolo marginale e strumentale, per giustificare le azioni di uno Stato in cui non tutti i suoi cittadini sono uguali e con gli stessi diritti. Un bel ritorno all’ancien régime.
Purtroppo questo avviene anche in altri ambiti, come per quanto concerne la conciliazione tra vita lavorativa e lavoro di cura in famiglia.

I soldi discriminano sempre e di questo uno stato dovrebbe occuparsi: rimuovere gli ostacoli per tutti e garantire un godimento pieno dei diritti.
Altrimenti non sono diritti, bensì privilegi sulla base del censo.

Non riesco a comprendere perché si ha paura di riconoscere a un’altra persona una libertà di scelta, soprattutto quando questa non limita la libertà personale di nessuno. Trovo inspiegabile invece, che si voglia imporre una visione e una scelta unica agli altri, in tutti i modi.

Troverei più utile che si investisse nell’educazione sessuale e contraccettiva, per una maternità consapevole. Il ruolo dei genitori non si conclude con il mettere al mondo i figli.. di questo dovremmo occuparci.

Annunci

One response to “Questione di censo

  1. […] una norma incostituzionale e che per anni ha sancito un divieto su base di censo. Ne avevo parlato qui. Ora il governo deve riavviare la conferenza Stato-Regioni e imbastire un dialogo con associazioni, […]

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Non Una Di Meno - Milano

Sciopero globale Lotto Marzo

paroladistrega

BARBARA GIORGI

Variabili Multiple

Uguali e Diversi allo stesso tempo. A Sinistra con convinzione.

Blog delle donne

Un blog assolutamente femminista

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Storm Turchi

Queer sociology, queer feminism, academia

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

mammina(post)moderna

Just another WordPress.com site

Femminismi Italiani

Il portale dei femminismi italiani e dei centri antiviolenza

violetadyliphotographer

Just another WordPress.com site

Last Wave Feminist

"Feminism requires precisely what patriarchy destroys in women: unimpeachable bravery in confronting male power." Andrea Dworkin

Links feminisme

geen feminisme zonder socialisme, geen socialisme zonder feminisme

Rosapercaso

O di come una femminista convinta iniziò a scrivere rosa

vocedelverbomammmare

tutto, ma proprio tutto di noi

Stiamo tutti bene

Le tragicomiche avventure di una famiglia di nome e di fatto

Abolition du système prostitueur

Blog du collectif Abolition 2012

REAL for women

Reflecting Equality in Australian Legislation for women

Banishea

Gegen Prostitition. Für Frauen. Für Selbstbestimmung und Unabhängigkeit. Gegen Sexkauf. Not for Sale. Weil Frauen keine Ware sind.

Psicodinamica

idee di psicologia e psicoterapia

Sarah Ditum

Writing, etc.

Femina Invicta

Feminist. Activist. Blogger.

THE FEM

A Feminist Literary Magazine

O capitano! Mio capitano!...

"Ci sono persone che sanno tutto e purtroppo è tutto quello che sanno." [Oscar Wilde]

Diana

"Vedete, ci sono ancora deboli barlumi di civiltà lasciati in questo mattatoio barbaro che una volta era conosciuto come umanità." Monsieur Gustave H - Grand Budapest Hotel -

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: