Nuvolette di pensieri

Mormora l'acqua del ruscello

Terrore e senso di colpa

su 12 aprile 2014

Ieri leggendo della tragica morte della prima donna in Italia per conseguenze pare collegate all’uso della pillola abortiva RU486, ho riflettuto sui toni adoperati dai giornali nel raccontare i fatti. Ho addirittura letto l’intervista a una dottoressa americana pro-life che sosteneva quanto fosse preferibile la via chirurgica. Insomma, leggi e rileggi, l’effetto finale è chiaramente di panico, paura. In pratica ti cresce un grosso punto interrogativo sulla testa e ti chiedi cosa stia accadendo. Ringrazio il post del blog Al di là del buco per aver fornito una analisi sincera e seria. I giornali si sono adoperati a ricostruire i fatti, con un unico intento, a mio avviso e anche per l’autrice del post, scatenare un clima di paura e di diffidenza. Ma se ci pensiamo bene, di controindicazioni ce ne sono migliaia, anche per i farmaci e i vaccini più comuni. Il rischio è presente in ogni operazione, anche la più semplice. Per cui, l’eco e la strumentalizzazione di certe notizie mi sembra non solo irrispettoso nei confronti della famiglia della vittima, ma anche fuorviante e pericoloso. Rientra pienamente in quell’azione oscurantista in atto, con il tentativo permanente di tornare indietro. Perché, ricordiamolo, di aborto, prima della 194, si moriva nelle mani delle mammane. Senza assistenza medica e senza diritto alla salvaguardia della salute, il rischio è elevato.

Oggi arriva qualche chiarimento in più, in questa intervista a Silvio Viale: qui.
Mi viene in mente un episodio della mia vita, sicuramente di tenore nettamente minore, ma significativo di ciò che sta accadendo. Questa spinta malata verso tutto ciò che è naturale, tradizionale ecc. è piena di conseguenze negative. La libertà di scelta non c’è più, sei ostaggio dell’apertura mentale di chi ti trovi davanti. Io ho avuto difficoltà ad allattare mia figlia al seno, perché lei era piccolina alla nascita e faceva fatica ad attaccarsi bene. Allora, dietro pressioni forti delle ostetriche, ho iniziato ad usare il tiralatte. Per quasi sei mesi sono andata avanti così, ogni 3 ore, con continue infezioni e dolori fisici molto forti. Ma ho continuato per mia figlia, e devo ammetterlo, sotto la pressione psicologica delle operatrici dell’ospedale, che se ne sono fregate dei miei dolori e mi hanno considerato una madre poco amorevole. Insomma, per farla breve, nessuno mi ha mai diagnosticato un’infezione. Casualmente, per una forte faringite sono stata costretta a prendere un antibiotico a largo spettro. Ecco, i dolori e le fitte al seno scompaiono. Vado avanti con l’allattamento, ma dovendo rientrare al lavoro decido di interrompere l’allattamento. Vado dal medico e il medico mi prospetta una via crucis, dolori, infezioni, consigliandomi di evitare di interrompere bruscamente con le pillole in commercio. In pratica, lo stesso discorso che mi avevano fatto sino ad allora. Decido di provare. Nessun problema, scopro che non era poi così tanto difficile, e comunque sempre meno doloroso di quello che ho passato prima. Con questo è andato via anche il senso di colpa che mi avevano sapientemente inculcato. Questo è il clima che viviamo, a vari livelli. Questo è il metodo applicato da sedicenti professionisti.

Io sono per la libertà di scelta, sempre e in ogni caso, perché ogni donna è diversa dall’altra e nessuna può permettersi di giudicare l’altra o di imporle qualcosa.
Sono vicina alla famiglia e soprattutto al figlio della donna.

 

Aggiornamento del 26 aprile 2014:

Leggendo il testo di questa petizione, promossa dall’UDI, mi accorgo che sull’argomento RU486 siamo messi proprio male, se per avere la pillola occorre pagare 100 euro di ticket. Non deve essere un lusso, occorre rimuovere questo ennesimo ostacolo alla libera scelta delle donne.

Aggiornamento dell’8 maggio 2014:

Questi sono i primi esiti delle indagini sulle cause del decesso della donna di Torino. La RU486 è stata esclusa dalle cause.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Non Una Di Meno - Milano

Sciopero globale Lotto Marzo

ilportodellenuvole.wordpress.com/

I tessitori di nuvole hanno i piedi ben piantati per terra

paroladistrega

BARBARA GIORGI

Variabili Multiple

Uguali e Diversi allo stesso tempo. A Sinistra con convinzione.

Blog delle donne

Un blog assolutamente femminista

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Unraveling the mistery of time

Whatever happens in my life and is worth writing about

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

mammina(post)moderna

Just another WordPress.com site

Femminismi Italiani

Il portale dei femminismi italiani e dei centri antiviolenza

violetadyliphotographer

Just another WordPress.com site

Last Wave Feminist

"Feminism requires precisely what patriarchy destroys in women: unimpeachable bravery in confronting male power." Andrea Dworkin

Links feminisme

geen feminisme zonder socialisme, geen socialisme zonder feminisme

Rosapercaso

O di come una femminista convinta iniziò a scrivere rosa

vocedelverbomammmare

tutto, ma proprio tutto di noi

Stiamo tutti bene

Le tragicomiche avventure di una famiglia di nome e di fatto

Abolition du système prostitueur

Blog du collectif Abolition 2012

REAL for women

Reflecting Equality in Australian Legislation for women

Banishea

Gegen Prostitition. Für Frauen. Für Selbstbestimmung und Unabhängigkeit. Gegen Sexkauf. Not for Sale. Weil Frauen keine Ware sind.

Psicodinamica

idee di psicologia e psicoterapia

Sarah Ditum

Writing, etc.

Femina Invicta

Feminist. Activist. Blogger.

THE FEM

A Feminist Literary Magazine

O capitano! Mio capitano!...

"Ci sono persone che sanno tutto e purtroppo è tutto quello che sanno." [Oscar Wilde]

Diana

"Vedete, ci sono ancora deboli barlumi di civiltà lasciati in questo mattatoio barbaro che una volta era conosciuto come umanità." Monsieur Gustave H - Grand Budapest Hotel -

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: