Nuvolette di pensieri

Mormora l'acqua del ruscello

Il tessile cambia rotta

su 31 gennaio 2014

Ci ricordiamo tutti la tragedia del Rana Plaza in Bangladesh di qualche mese fa. Parliamo di persone che hanno perso la vita per confezionare dei vestiti, schiavi per noi che vogliamo quel tutto, senza chiederci a che costo. Quando si parla di tessile, pensiamo a Paesi come Bangladesh, Cina, Cambogia. A quanto pare, in questi Paesi, per fortuna, le cose stanno cambiando: aumentano le tutele dei lavoratori e ci sono gli occhi dell’opinione pubblica che sono più vigili sulle condizioni di lavoro. Pertanto marchi come H&M stanno cercando alternative, più economiche e più vantaggiose, naturalmente non per chi lavora. L’ultima frontiera è l’Etiopia, con un’economia in forte ascesa. L’industria tessile ha radici nel periodo coloniale italiano, le prime fabbriche risalgono al 1939. Rispetto a Marocco e Tunisia, che producono articoli a buon mercato, l’Etiopia ha costi del lavoro più bassi della Cina, una popolazione di circa 80 milioni di abitanti.. tutta manodopera da sfruttare e allora “piatto ricco mi ci tuffo”, poi il mare è vicino e i prodotti riescono a raggiungere più in fretta la destinazione finale. Altra magnifica idea: coltivare in loco il cotone con cui fabbricare le stoffe e i capi. In Etiopia producono già altri due colossi Tesco e Primark. Sarà la nuova Bangladesh? Vedremo, come si evolverà la macchina del tessile, per ora l’Etiopia è solo complementare alle produzioni asiatiche. Anche se le infrastrutture etiopi (strade, impianti di produzione e allacciamenti alla rete elettrica) sono ancora poco sviluppate, il futuro per le multinazionali dello sfruttamento appare roseo. Inoltre, i mercati dell’Africa sono appetibili anche come consumatori di merci… non dimentichiamo l’altro lato della medaglia. Alla faccia dei diritti e del rispetto della dignità, della salute umana e dell’ambiente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Non Una Di Meno - Milano

Sciopero globale Lotto Marzo

ilportodellenuvole.wordpress.com/

I tessitori di nuvole hanno i piedi ben piantati per terra

paroladistrega

BARBARA GIORGI

Variabili Multiple

Uguali e Diversi allo stesso tempo. A Sinistra con convinzione.

Blog delle donne

Un blog assolutamente femminista

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Time will tell

And I'll be there to listen

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

mammina(post)moderna

Just another WordPress.com site

Femminismi Italiani

Il portale dei femminismi italiani e dei centri antiviolenza

violetadyliphotographer

Just another WordPress.com site

Last Wave Feminist

"Feminism requires precisely what patriarchy destroys in women: unimpeachable bravery in confronting male power." Andrea Dworkin

Links feminisme

geen feminisme zonder socialisme, geen socialisme zonder feminisme

Rosapercaso

O di come una femminista convinta iniziò a scrivere rosa

vocedelverbomammmare

tutto, ma proprio tutto di noi

Stiamo tutti bene

Le tragicomiche avventure di una famiglia di nome e di fatto

Abolition du système prostitueur

Blog du collectif Abolition 2012

REAL for women

Reflecting Equality in Australian Legislation for women

Banishea

Gegen Prostitition. Für Frauen. Für Selbstbestimmung und Unabhängigkeit. Gegen Sexkauf. Not for Sale. Weil Frauen keine Ware sind.

Psicodinamica

idee di psicologia e psicoterapia

Sarah Ditum

Writing, etc.

Femina Invicta

Feminist. Activist. Blogger.

THE FEM

A Feminist Literary Magazine

O capitano! Mio capitano!...

"Ci sono persone che sanno tutto e purtroppo è tutto quello che sanno." [Oscar Wilde]

Diana

"Nell'ora più profonda della notte, confessa a te stesso che moriresti se ti fosse vietato scrivere. E guarda profondamente nel tuo cuore dove esso espande le sue radici, la risposta, e ti domandi, devo scrivere?". Rilke

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: