Nuvolette di pensieri

Mormora l'acqua del ruscello

Il bilancio del PISA

su 16 dicembre 2013

Tanti, troppi dati, classifiche e dibattiti sui livelli di istruzione raggiunti e conseguiti dai vari Paesi. Una specie di concorso di bellezza per modelli spesso molto differenti, pronti a contendersi lo scettro del migliore. Sono da poco stati resi noti i dati del PISA 2012 (Programme for International Student Assessment, ovvero il programma che si propone di valutare gli standard di istruzione degli allievi di tutto il mondo) e sono iniziate le solite danze.

Per approfondimenti segnalo le analisi di Eurotopics (e qui) e di Le Monde qui e qui.

Quando si parla di istruzione non possono esistere le ricette perfette, valide in ogni luogo e in ogni tempo. Piuttosto, occorrerebbe riferirsi alle peculiarità del contesto socio-culturale in cui è incastonato quel dato modello, che può anche dover essere differente istituto per istituto. Un alunno non è un meccanismo perfetto, ma un piccolo tesoro di variabili incastonato in un ingranaggio che spesso può subire dei bruschi stop, degli intoppi da parte di fattori esterni imponderabili, provenienti da quel contesto esterno di cui parlavo. È inutile cercare di replicare metodi, strumenti ‘esotici’ che hanno avuto successo altrove. Occorre che una classe dirigente, degna di questo nome, elabori il suo progetto di istruzione. Trovo calzante l’analisi che fa Tullio De Mauro qui. Per i risultati, non dobbiamo aspettarci tempi brevi, si tratta di cammini che spesso coinvolgono più di una generazione. Ma occorre partire, senza indugiare troppo o lasciar marcire ciò che resta di buono delle nostre infrastrutture per la creazione di saperi. Per iniziare, recuperiamo i saper fare, accanto ai saperi teorici. Rendiamo i sistemi scolastici più aperti, più dinamici e meno spocchiosi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Non Una Di Meno - Milano

Contro la violenza maschile sulle donne e tutte le forme di violenza di genere

ilportodellenuvole.wordpress.com/

I tessitori di nuvole hanno i piedi ben piantati per terra

paroladistrega

BARBARA GIORGI

Variabili Multiple

Uguali e Diversi allo stesso tempo. A Sinistra con convinzione.

Blog delle donne

Un blog assolutamente femminista

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Time will tell

And I'll be there to listen

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

mammina(post)moderna

Just another WordPress.com site

Femminismi Italiani

Il portale dei femminismi italiani e dei centri antiviolenza

violetadyliphotographer

Just another WordPress.com site

Last Wave Feminist

"Feminism requires precisely what patriarchy destroys in women: unimpeachable bravery in confronting male power." Andrea Dworkin

Links feminisme

geen feminisme zonder socialisme, geen socialisme zonder feminisme

Rosapercaso

Una femminista alle prese con il rosa

vocedelverbomammmare

tutto, ma proprio tutto di noi

Stiamo tutti bene

Le tragicomiche avventure di una famiglia di nome e di fatto

Abolition du système prostitueur

Blog du collectif Abolition 2012

REAL for women

Reflecting Equality in Australian Legislation for women

Banishea

Gegen Prostitition. Für Frauen. Für Selbstbestimmung und Unabhängigkeit. Gegen Sexkauf. Not for Sale. Weil Frauen keine Ware sind.

Psicodinamica

idee di psicologia e psicoterapia

Sarah Ditum

Writing, etc.

Femina Invicta

Feminist. Activist. Blogger.

THE FEM

A Feminist Literary Magazine

O capitano! Mio capitano!...

"Ci sono persone che sanno tutto e purtroppo è tutto quello che sanno." [Oscar Wilde]

Diana

"Nell'ora più profonda della notte, confessa a te stesso che moriresti se ti fosse vietato scrivere. E guarda profondamente nel tuo cuore dove esso espande le sue radici, la risposta, e ti domandi, devo scrivere?". Rilke

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: