Nuvolette di pensieri

Mormora l'acqua del ruscello

Fluido di democrazia

su 30 ottobre 2012

In base all’assioma per cui democrazia è partecipazione, sarebbe lecito, anche se utopistico, pensare che il nostro pensiero e le nostre opinioni possano in qualche modo essere immediatamente e tangibilmente applicate e possano pertanto concorrere all’istante alla formazione di un provvedimento legislativo. Sarebbe una specie di prêt-à-porter del voto. Come se una nazione moderna potesse rispecchiare il modello della polis greca e applicare formule di democrazia diretta. Indubbiamente sarebbe fantastico avere una partecipazione capillare alla decisione e alla formazione del corpus giuridico, una specie di televoto quotidiano, con il quale ciascuno potesse esprimere la propria scelta. Ciascun cittadino, più o meno cosciente e consapevole, potrebbe svegliarsi al mattino ed esprimere il suo voto su un argomento piuttosto che un altro. In caso di democrazia diretta, ciascuno dovrebbe essere in grado di assumersi quotidianamente la responsabilità di determinare dove va il baraccone. Vista l’impraticabilità di tale strada, è nata la democrazia rappresentativa. In mezzo al guado di queste due soluzioni, è emersa la formula della democrazia liquida. Si tratta di una specie di ibrido, che poggia tutto sulla delega e non sulla rappresentanza. La linea di confine è molto sottile. La formula “liquida” strizza l’occhio alla “diretta”, proponendosi come la rivoluzione del secolo e la panacea di tutti i mali, andando a solleticare i desideri della pancia di un elettorato che negli anni si è allontanato sempre più dalla cosa pubblica. La democrazia liquida di cui si parla tanto è a mio parere un falso fluido di giovinezza per la nostra democrazia mal ridotta. Qualsiasi piattaforma informatica, forum o simili sono strumenti di una fantomatica partecipazione universale, che non porta a nulla. Non si può ridurre tutto a un tweet. Questo approccio è frutto di una semplificazione e storpiatura di antichi topoi e di una loro malsana rilettura. Cosa accade alle opinioni di coloro che non partecipano a questi giochi? Non possiamo diventare schiavi di un mezzo, come può essere la rete. La democrazia liquida è un sistema che può funzionare benissimo in un’associazione, ma lo Stato non può essere ridotto a una realtà in stile “dopolavoro”. Tutti devono poter concorrere, attraverso i propri rappresentanti, alla determinazione della politica nazionale. Il sistema dei delegati ha i suoi limiti e pericoli, non tutto ciò che è tecnologico è sinonimo di sicurezza, affidabilità, trasparenza. Tutto è manipolabile e facilmente strumentalizzabile. Non possiamo essere certi che non ci possano essere dittature dei giocatori più attivi o che un click in stile “mi piace” sia più consapevole e saggio di una x sulla scheda elettorale. Il fatto che ciascuno può dire la sua in questa specie di piazza virtuale, non è garanzia di un miglioramento o di assenza di errore. Poniamoci alcune domande:

  1. Perché una persona decide di dedicarsi anima e corpo ad un’attività para-politica su una piattaforma web, investire il suo tempo in tale attività?
  2. Come può un comune cittadino, tra le sue innumerevoli occupazioni quotidiane (lavoro, casa, figli ecc.) essere in grado di “partecipare” attivamente al nuovo gioco della democrazia liquida?
  3. Rischiamo di ritornare ad un modello stile “camera dei Lord”, per cui la politica è in mano a pochi “delegati” che possono anche permettersi di non lavorare per vivere? Questa si chiama oligarchia, che ritengo più pericolosa della nostra attuale democrazia parlamentare.

La mania della rottamazione che sta dilagando in questi tempi di crisi, può essere comprensibile, ma attenzione: prima di rottamare la mia automobile, devo anche pensare cosa andrà a sostituirla, altrimenti, mi toccherà andare al lavoro a piedi. Se si decide che il modello del partito politico e gli strumenti di partecipazione non vanno più bene, si deve anche iniziare a proporre qualcosa di altrettanto valido, pena l’avanzare del vuoto, esattamente ciò di cui parlava Ende nella sua “La storia infinita”. E in tale caso sappiamo bene cosa ci aspetta. I partiti sono stati uno strumento basilare per garantire il funzionamento della macchina democratica. Sono stati un laboratorio importante per le idee nuove e la crescita della nostra classe politica, che pur non essendosi dimostrata sempre all’altezza del suo compito, ha generato personalità fondamentali della storia del nostro Paese. L’improvvisazione in politica, e non solo, raramente genera qualcosa di buono e duraturo. Una buona abitudine del cittadino dovrebbe essere quella di conservare sempre vigile il suo senso critico e non delegare “ciecamente” ad altri le decisioni. Nei partiti andrebbe incentivato il pensiero “pro-attivo”. E se proprio vogliamo rottamare qualcosa, scegliamo di mandare in discarica il clientelismo che avvelena la vita del nostro Paese.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

tiritere72663953.wordpress.com/

"Alle giovani dico sempre di non abbassare la guardia, non si sa mai". Miriam Mafai

Il blog di Paola Bocci

Vi porto in Regione con me

Non Una Di Meno - Milano

Contro la violenza maschile sulle donne e tutte le forme di violenza di genere

ilportodellenuvole.wordpress.com/

I tessitori di nuvole hanno i piedi ben piantati per terra

Variabili Multiple

Uguali e Diversi allo stesso tempo. A Sinistra con convinzione.

Blog delle donne

Un blog assolutamente femminista

PARLA DELLA RUSSIA

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Critical thinking

Sociology, social policy, human rights

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

mammina(post)moderna

Just another WordPress.com site

Femminismi Italiani

Il portale dei femminismi italiani e dei centri antiviolenza

violetadyliphotographer

Just another WordPress.com site

Il Golem Femmina

Passare passioni, poesia, bellezza. Essere. Antigone contraria all'accidia del vivere quotidiano

Last Wave Feminist

"Feminism requires precisely what patriarchy destroys in women: unimpeachable bravery in confronting male power." Andrea Dworkin

Links feminisme

geen feminisme zonder socialisme, geen socialisme zonder feminisme

Rosapercaso

La felicità delle donne è sempre ribelle

vocedelverbomammmare

tutto, ma proprio tutto di noi

Stiamo tutti bene

Le tragicomiche avventure di una famiglia di nome e di fatto

Abolition du système prostitueur

Blog du collectif Abolition 2012

REAL for women

Reflecting Equality in Australian Legislation for women

Banishea

Gegen Prostitition. Für Frauen. Für Selbstbestimmung und Unabhängigkeit. Gegen Sexkauf. Not for Sale. Weil Frauen keine Ware sind.

Psicodinamica

idee di psicologia e psicoterapia

Sarah Ditum

Writing, etc.

Femina Invicta

Feminist. Activist. Blogger.

THE FEM

A Feminist Literary Magazine

O capitano! Mio capitano!...

"Ci sono persone che sanno tutto e purtroppo è tutto quello che sanno." [Oscar Wilde]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: