Nuvolette di pensieri

Mormora l'acqua del ruscello

Dieci anni

su 30 ottobre 2012

Dieci anni orsono, da neolaureata e da giovane donna che si affacciava nel mondo del lavoro, la mia visione del mondo appariva luccicante di buone speranze per sé e per il resto del pianeta. Se guardo a quell’istantanea di me stessa, sorrido e al contempo mi rammarico di tanta ingenuità e positivismo stile ‘800. I miei studi di scienze politiche mi hanno aperto la mente, ma in qualche modo hanno anche ottenebrato in parte la mia capacità di guardare la realtà prendendo le distanze da me e dai miei pensieri. Come molti saggisti e uomini di cultura, soffrivo anch’io, nel mio piccolo, di una certa miopia, che mi portava a fondare le mie teorie sul presupposto che tutti fossero spinti dai miei stessi ideali, desideri di comunione e progresso dell’umanità. Tanti cosiddetti “intellettuali”, chiusi fra le mura accademiche, formulano proposte e idee che poco hanno attinenza con la realtà “vera”. Sono stata per anni un’europeista al 200%, tenace sostenitrice della forza purificatrice e universalistica dell’UE, che avrebbe portato ordine, benessere e convivenza civile in una Pangea disordinata di culture, tradizioni, lingue ed economie. Ero seriamente convinta che a partire dall’Euro, la strada per un superamento delle barriere nazionali sarebbe stata breve. Mio malgrado, il meccanismo ha fatto cilecca e per una miriade di ragioni non si è arrivati da nessuna parte, anzi, di questi tempi, l’UE ha il passo di un gambero e lo sguardo di un merluzzo pescato la scorsa settimana. Pensandoci meglio, il mio modello di UE come unione in tutti i sensi, non ha mai preso in considerazione l’idea che ci potesse essere una convergenza pilotata verso un’unica cultura economica, politica, culturale e religiosa, sotto il vessillo germanico o nord-europeo. La mia mente non poteva concepire una cessione di sovranità a beneficio di un unico compatto gruppo di Paesi “diligenti”e che tutto avvenisse nel più completo silenzio, che montasse ancora una volta il desiderio di ergersi al di sopra degli altri, come popolo “eletto” e operoso. Che volgare riproposizione di modelli ante seconda guerra mondiale. Che scarsa visione del mondo dimostra questa deriva. Oppure, rispecchia esattamente lo spirito, mai sopito, del mito di un pangermanesimo, pericoloso baluardo contro il disordine “straniero”. Diligenti o meno, operosi o meno, Paesi buoni o cattivi, la torta nuziale dell’UE si è dimostrata avariata e incapace di reggere tutti i suoi piani di progresso. La crisi ha presentato tutti i difetti di questa fantasmagorica costruzione, che erano ben evidenti già negli anni dei miei studi universitari. Come non accorgersi che il continente europeo è lontano dal “centro” del mondo da oltre un secolo, gli USA sono “passati” anche loro e si parla di BRICS in ascesa. In attesa che si delinei il futuro scenario mondiale, in quanto non è detto che si crei un unico centro magnetico e che i BRICS formulino un nuovo modello o più modelli di riferimento, siamo alle prese con la nostra realtà di piccoli europei. Siamo affannati a chiudere le falle della nave. I fasti sono lontani e direi che per alcuni forse è meglio non rivangare il passato o ripercorrere le strade pericolose dei separatismi, delle sfide etniche, per la serie “io sono meglio di te”. L’UE poteva e può essere ancora la via giusta per “restare al mondo”, per non uscire di scena completamente. La costruzione va sicuramente rifondata, altrimenti il lento declino in atto, che nessuno vuole ammettere, ci travolgerà sine dubio. L’ultimo sprazzo di vita del pensiero europeo risale alla rivoluzione francese e a tutto quello straordinario sciame sismico di idee che ne seguì. Nemmeno il marxismo è riuscito a dar voce a un nuovo modello e si è dovuto piegare. Da molto tempo questo strano continente non ha un ruolo propulsivo, ma va a rimorchio, in ultimo degli USA, oramai anch’essi decandenti. Tutto il “ciarlare” politico e le innumerevoli manovrone o manovrine che si sono succedute — e non abbiamo ancora finito — sono solo maldestri tentativi di rattoppare un logoro cappotto. Credo che ci sentiremmo tutti molto meglio se ci dicessimo qual è la verità o meglio le tante verità. Innanzitutto, che c’è minor tolleranza, minor voglia di condivisione dei problemi, di solidarietà e una crescente diffidenza verso gli altri. Se non ve ne siete accorti, sta dilagando un profondo egoismo — sempre esistito certo — che corrode tutto e tutti. L’egoismo e la consolidata abitudine di coltivare solo il proprio verde orticello sono, a mio parere, i peggiori difetti che si possano avere. Non sono vizi esclusivamente italiani, bensì sono in qualche modo legati alla natura stessa dell’uomo, antico animale in perenne lotta per la sopravvivenza. Perciò non possiamo arrabbiarci troppo della nostra meschina natura, ma almeno mostrare un po’ d’indignazione e riflettere su ciò che sta accadendo e che rischiamo di dover masticare ancora per molti anni a venire. Occorre iniziare un nuovo percorso, senza ricatti tra nazioni, senza quella pomposa aria di conciliabolo inconcludente dei meeting europei. I problemi sono tanti, strutturali e reali. L’orticello è stato compromesso dal gelo della crisi. Ma non è ancora troppo tardi per salvare il raccolto. Ma poniamo fine alle chiacchiere. Anche nel nostro Paese. Quando si parla di bamboccioni e di giovani schizzinosi, si dovrebbe aggiungere che queste cattive abitudini sono figlie di una prassi consolidata, fondata su legami di parentela, raccomandazioni e conoscenze che a molti, troppi portano il lavoro su un piatto d’argento. Anche chi usa tali espressioni, ha molta familiarità con tali meccanismi di “aiuto”. Io e tanti altri come me, possiamo fieramente dire che è possibile fare da sé, senza prostrarsi in nessuna occasione. Mai come ora sono fiera di ciò che ho costruito intorno a me. La mia famiglia è il mio pilastro. Non ho rinunciato a essere mamma e moglie, in nome di un fantomatico avanzamento di carriera, che molte delle mie colleghe rincorrono. Certamente, il lavoro è quello che è, la retribuzione è scarsa, i sogni lavorativi sono rimasti quasi tutti nel cassetto per ora, ma potrò insegnare qualche importante valore a mia figlia. Primo fra tutti l’onestà, che non dovrebbe mai passare di moda. I valori e gli ideali sono come un armento di cavalli bianchi che corrono attraverso il tempo e nonostante una lieve patina di grigio, sono lì a ricordarci che indietro non si deve tornare, che non si devono commettere gli orrori del passato. Temo però che in questa babele economica e di valori e in questo contesto di indebolimento dei pilastri democratici e dei principi di “buona politica”, si acuiscano anche i conflitti tra le persone, che ci si scontri per delle briciole di diritti e che si ritorni ad uno stadio animalesco di guerra fra poveri. Se non ve ne siete accorti, sono già in atto alcune forme di segregazione per certi versi “razziale”. Per esempio tra chi frequenta la scuola pubblica e chi la privata, tra coloro che pagano le tasse sempre e chi mai ecc. Ebbene sì, chi usufruisce dei servizi pubblici e non contribuisce in nessun modo, pur potendo, agisce schiacciando e sfruttando colui che suda dalla mattina alla sera con il suo misero lavoro super tassato. La razza del contribuente onesto sembra destinata all’estinzione, a vantaggio di quella dell’evasore più o meno totale che è geneticamente più dotato per sopravvivere. L’ascensore sociale è ormai una favola da mille e una notte, sempre che per ascesa non s’intenda una maggior furbizia. Che immagine diamo a coloro che arrivano nel nostro Paese nella speranza di un futuro migliore? Il buon esempio sarebbe la soluzione per tutto. Peccato che in molti casi, siamo veramente indegni di dare lezione a chiunque. Se vuole veramente non morire, il nostro Paese deve riemergere dal pantano dell’evasione fiscale, della sopraffazione legalizzata e delle leggi ad personam. La parabola berlusconiana, che oggi sembra volgere al termine, è stato per anni il simbolo di un “tutto è concesso” ma è potuto esistere unicamente grazie all’humus dell’homo italicus. Oggi, da oggi, cambiamo rotta. Non abbiamo bisogno di professori della Bocconi. Di mondo reale ne sanno ben poco, chiusi come sono nei loro grafici ancora sul cartaceo, persi nei loro calcoli che non tornano mai nella realtà. E poi, diciamo la verità, non ci piacciono i tanti passi indietro per non scontentare gli “intoccabili”, tanto ci sono sempre i noti disgraziati da tartassare. Direi che ne abbiamo abbastanza di simili prassi. Non vogliamo rottamare tutto indistintamente — che orrore — perché il futuro dobbiamo costruirlo sulle solide fondamenta che pure il passato ci offre, nonostante tanti brutti souvenir. Basta non assuefarsi ai mille stereotipi e ai vecchi schemi cui la storia ci ha abituati. Ci potrà essere un futuro per tutti solo se si collabora a crearlo. Se ancora parlare di “tutti” non è diventato un’utopia e la politica non ha perso completamente le sue radici ed il suo ruolo.

Tutti dovremo rinunciare a qualcosa, ma tutti, non i soliti noti.

Pena il fallimento, non solo economico.


tiritere72663953.wordpress.com/

"Alle giovani dico sempre di non abbassare la guardia, non si sa mai". Miriam Mafai

Il blog di Paola Bocci

Vi porto in Regione con me

Non Una Di Meno - Milano

Contro la violenza maschile sulle donne e tutte le forme di violenza di genere

ilportodellenuvole.wordpress.com/

I tessitori di nuvole hanno i piedi ben piantati per terra

Variabili Multiple

Uguali e Diversi allo stesso tempo. A Sinistra con convinzione.

Blog delle donne

Un blog assolutamente femminista

PARLA DELLA RUSSIA

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

Critical thinking

Sociology, social policy, human rights

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

mammina(post)moderna

Just another WordPress.com site

Femminismi Italiani

Il portale dei femminismi italiani e dei centri antiviolenza

violetadyliphotographer

Just another WordPress.com site

Il Golem Femmina

Passare passioni, poesia, bellezza. Essere. Antigone contraria all'accidia del vivere quotidiano

Last Wave Feminist

"Feminism requires precisely what patriarchy destroys in women: unimpeachable bravery in confronting male power." Andrea Dworkin

Links feminisme

geen feminisme zonder socialisme, geen socialisme zonder feminisme

Rosapercaso

La felicità delle donne è sempre ribelle

vocedelverbomammmare

tutto, ma proprio tutto di noi

Stiamo tutti bene

Le tragicomiche avventure di una famiglia di nome e di fatto

Abolition du système prostitueur

Blog du collectif Abolition 2012

REAL for women

Reflecting Equality in Australian Legislation for women

Banishea

Gegen Prostitition. Für Frauen. Für Selbstbestimmung und Unabhängigkeit. Gegen Sexkauf. Not for Sale. Weil Frauen keine Ware sind.

Psicodinamica

idee di psicologia e psicoterapia

Sarah Ditum

Writing, etc.

Femina Invicta

Feminist. Activist. Blogger.

THE FEM

A Feminist Literary Magazine

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: